Ravenna, moschea. Gli artigiani: "Creerà problemi"

Ravenna, moschea. Gli artigiani: "Creerà problemi"

Ravenna, moschea. Gli artigiani: "Creerà problemi"

Sul fatto che ogni essere umano abbia diritto di pregare "non ci piove", ma "si e' tenuto conto del diritto di poter esercitare un'attivita' artigianale e industriale per la quale e' stata creata la zona delle Bassette?". Cosi' si rivolge Andrea Pasi, titolare di un'azienda della zona su cui sorgera' il luogo di culto della comunita' islamica di Ravenna, al sindaco Fabrizio Matteucci. L'imprenditore srive sulla pagina Facebook del primo cittadino (arrivato ormai a quota 1.251 "amici").

Il timore è che, una volta issati i minareti fra le fabbriche, i fedeli comincino a lamentarsi dei rumori, del fumo o dell'inevitabile via vai dei camion. "Pensateci bene- ammonisce Pasi, che comunque conclude il mesaggio lodando l'impegno del sindaco nell'amministrare la citta'- perche' poi il problema non e' il vostro ma e' il nostro. Alle Bassette si lavora da sempre senza limiti di orari".

Lo sfogo dell'imprenditore su internet e' sentito e anche da altri artigiani delle Bassette: erano circa un centinaio i titolari di attivita' della zona che due sere fa sono stati invitati da Cna e Confartigianato a un incontro sul tema. La posizione delle due associazioni e' ben nota, e ancora ferma a una nota congiunta diffusa due anni fa: nessun veto sul luogo di culto, ma la sua costruzione, prevista gia' dai piani urbanistici del Comune, in un'area "progettata, realizzata e utilizzata per le esigenze produttive delle piccole e medie imprese" continua a sembrare agli artigiani una scelta poco felice.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -