Ravenna, nasce l'Istituto tecnico per l'energia e l'ambiente: plauso di Confindustria

Ravenna, nasce l'Istituto tecnico per l'energia e l'ambiente: plauso di Confindustria

RAVENNA - "E' un grande successo, che va nella direzione della formazione tecnica da sempre sostenuta e caldeggiata dalla nostra Associazione a livello locale e nazionale". E' il commento di Giovanni Tampieri, Presidente di Confindustria Ravenna, sull'Istituto tecnico superiore per l'energia e l'ambiente, che sta nascendo tramite una Fondazione partecipata da più realtà della provincia tra cui Il Sestante, ente di formazione di Confindustria Ravenna, il Comune di Ravenna, l'Unione Comuni Bassa Romagna, l'Iti ‘Baldini', dove la Fondazione avrà sede, e altre realtà economiche del territorio.

 

L' Its, previsto dal Ministero dell'Istruzione, sarà l'anello di congiunzione tra gli istituti tecnici e professionali e il mondo del lavoro. Il corso durerà due anni per un totale di circa 1800 ore, impiegate soprattutto in laboratori e aziende: sono infatti previsti tirocini obbligatori per almeno il 30% del monte orario, con alte possibilità di assorbimento dei diplomati. E la metà dei docenti dovrà provenire dal mondo del lavoro e delle professioni. "A Ravenna, dove la specializzazione sarà appunto nel settore energetico - ricorda Tampieri - saranno coinvolte le eccellenze del territorio, con il supporto del Consorzio utilities Ravenna, del C.R.S.A. Med Ingegneria e dell'Eni Corporate University. Formeranno competenze che sapranno rispondere in modo adeguato alla richiesta di addetti di un settore in forte espansione, con importanti ricadute sul territorio".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le varie competenze, i tecnici saranno formati in conformità a figure professionali definite a livello nazionale e potranno individuare i fabbisogni energetici del committente, applicare la normativa ed espletare le procedure per l'accesso ai finanziamenti. Ancora, saranno in grado valutare la fattibilità e l'impatto ambientale dei sistemi energetici, monitorarne le prestazioni e utilizzare software dedicati per la progettazione, manutenzione e gestione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -