Ravenna, nel 2010 scoperti 63 evasori totali dalla Finanza

Ravenna, nel 2010 scoperti 63 evasori totali dalla Finanza

Ravenna, nel 2010 scoperti 63 evasori totali dalla Finanza

RAVENNA - La Guardia di Finanza di Ravenna ha illustrato i dati dell'attività svolta nel 2010. Nell'ambito del cosiddetto "core business" sono state svolte  236 verifiche fiscali (controlli approfonditi della posizione fiscale dei soggetti sottoposti ad ispezione) e nell'effettuazione di 610 controlli (interventi finalizzati al controllo di singole operazioni o singoli atti di gestione). Sono 151 i milioni di euro sottratti a tassazione ai fini delle imposte sui redditi.

 

>LE IMMAGINI DELLA CONFERENZA STAMPA, Rafotocronaca

 

Sono invece 13 i milioni di euro di Iva evasa. Di tali risultati circa 46 milioni di euro - poco più di un terzo del totale - di base imponibile ai fini delle imposte sui redditi e oltre 5 milioni fra IVA non versata e relative sanzioni, sono stati constatati nei confronti di 63 evasori totali (circa il 9% in più rispetto al 2009), cioè soggetti completamente sconosciuti al fisco che, pur avendo svolto attività produttive di reddito, non hanno presentato le prescritte dichiarazioni.  

 

82 sono stati i responsabili denunciati dalle Fiamme Gialle all'Autorità Giudiziaria per 67 violazioni accertate tra cui omessa, infedele o fraudolenta dichiarazione, emissione di fatture inesistenti ed occultamento di documentazione contabile.

 

Contrasto al lavoro nero ed irregolare. Parallelamente all'attività di contrasto all'evasione fiscale, sono stati numerosi gli interventi svolti dai Reparti della Guardia di Finanza di Ravenna e finalizzati a reprimere il cosiddetto fenomeno del "lavoro nero". Complessivamente, le Fiamme Gialle hanno individuato, nel corso degli interventi effettuati sul territorio dell'intera provincia, 94 lavoratori impiegati completamente "in nero" e 120 lavoratori irregolarmente impiegati.  50 sono i datori di lavoro verbalizzati per aver impiegato lavoratori in nero o irregolari.

 

Controlli strumentali. Sempre nel 2010, sono stati svolti 4.271 controlli finalizzati a verificare la corretta osservanza degli obblighi di emissione di scontrini e ricevute fiscali. Sul totale dei controlli effettuati, sono stati riscontrati 1.339 casi di mancata emissione, per una percentuale di irregolarità del 31,35% su base annua.  Sono state inoltrate all'Agenzia delle Entrate 39 proposte di chiusura di esercizi pubblici per reiterate mancate missioni di scontrini e/o ricevute fiscali.

 

Controlli in materia di prestazioni sociali agevolate. L'attività di contrasto all'evasione fiscale si è infine concretizzata anche mediante l'azione di vigilanza sulle percezioni di prestazioni sociali agevolate, nel cui contesto sono stati effettuati 110 interventi che hanno permesso di recuperare oltre 15 mila euro e segnalare all'autorità giudiziaria 33 soggetti per indebita percezione di erogazioni pubbliche e falso, avendo certificato, nella documentazione presentata per ottenere i sussidi, redditi inferiori a quelli effettivamente percepiti.

 

Monopolio statale giochi, scommesse e pronostici Nell'ambito di 4 controlli svolti nei confronti di esercizi pubblici e circoli ricreativi, sono stati sequestrati, complessivamente, 8 apparecchi automatici da gioco proibiti, di cui 4 videogames e 4 slot-machines e sono stati verbalizzati 5 soggetti.  2 sono gli esercizi chiusi.  Da evidenziare l'autonoma attività svolta dalla Tenenza di Lugo che ha portato al sequestro, su tutto il territorio nazionale, di circa 800 schede inserite all'interno di slot machines del valore complessivo di 550.000 euro e tramite le quali era possibile effettuare giocate illecite.

 

Lotta al carovita - Nel settore della lotta al carovita, sono stati effettuati 130 interventi finalizzati ad individuare e reprimere le violazioni alla libera concorrenza.   Il costante monitoraggio dei prezzi volto alla tutela dei consumatori dai comportamenti speculativi ed anticoncorrenziali nonché dalle pratiche commerciali scorrette, ingannevoli o aggressive, ha portato alla segnalazione di 2 soggetti.

  

Contrasto alla contraffazione e vigilanza sulla sicurezza dei prodotti - Intenso è stato l'impegno profuso, anche nel 2010, dalle Fiamme Gialle a contrasto del cosiddetto "mercato del falso".  Nell'ambito di 54 interventi a contrasto della contraffazione, svolti nei confronti di venditori abusivi, regolari esercizi commerciali, depositi e centri di stoccaggio, sono stati complessivamente sequestrati circa 58.000 prodotti contraffatti fra cui capi ed accessori per abbigliamento, etichette, occhiali ed orologi destinati alla successiva immissione sul mercato illegale. 

 

Sono state inoltrate all'Autorità Giudiziaria 44 denunce ed arrestata una persona. Particolarmente incisiva l'azione svolta dalla dipendente 2ª Compagnia a tutela del "made in Italy". 42 gli interventi effettuati che hanno consentito di porre sotto sequestro oltre 37.500 marchi contraffatti e verbalizzare 38 soggetti. Inoltre, a seguito di attività svolta in ambito portuale, la dipendente 1ª Compagnia ha posto sotto sequestro oltre 17.000 lampadine alogene contraffatte rinvenute all'interno di un container proveniente dalla Cina, il cui valore di mercato è di oltre 107 mila euro. Denunciato il titolare della società importatrice.

  

Vigilanza in materia di Accise - L'azione di vigilanza sul corretto utilizzo dei prodotti petroliferi soggetti ad accisa concretizzata mediante 23 interventi effettuati, ha portato alla denuncia a piede libero di 2 soggetti, alla segnalazione di altri 20 soggetti ed al conseguente sequestro di circa 5.000 chilogrammi di oli minerali illecitamente utilizzati in evasione d'imposta. Sequestrato anche 1 automezzo.

 

Contrasto al contrabbando di tabacchi lavorati esteri -  Sul fronte della lotta al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, gli interventi dei finanzieri della 1ª Compagnia, effettuati soprattutto nell'area portuale, hanno consentito di sottoporre a sequestro circa 15 tonnellate di sigarette risultate di contrabbando e di denunciare 5 responsabili all'Autorità Giudiziaria di cui 2 in stato di arresto. Sequestrati, infine, 2 automezzi utilizzati per l'illecito traffico di sigarette.

 

Controllo ai movimenti sospetti di denaro e falso nummario - Nell'ambito dei controlli finalizzati alla prevenzione del sistema anti-riciclaggio, sono state approfondite 30 segnalazioni per operazioni sospette e svolte 4 ispezioni antiriciclaggio. L'azione svolta a contrasto del finanziamento al terrorismo si è concretizzata con 3 ispezioni nei confronti di esercizi di "money transfer". 96 i verbali redatti per violazioni amministrative. In 21 operazioni svolte a contrasto del fenomeno sono state sequestrate, inoltre, 502 banconote false, e denunciate 21 persone.

 

Il servizio di pubblica utilità 117 - Sempre nel corso dell'anno 2010, i Reparti dipendenti dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna hanno concorso, anche attraverso il quotidiano impiego delle pattuglie dei "baschi verdi", al mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica, assicurando nel contempo il controllo economico del territorio dell'intera provincia.  

 

Grande attenzione è stata rivolta a soddisfare le esigenze di intervento richieste dai cittadini attraverso il servizio di pubblica utilità "117" (operativo 24 ore al giorno presso la Sala Operativa del Comando Provinciale) al quale sono giunte, nel corso del 2010, 416 segnalazioni da parte di cittadini che hanno riguardato, principalmente, il settore dell'evasione fiscale, del mancato rilascio di scontrini e ricevute fiscali, dell'impiego irregolare di manodopera nonché dello spaccio di sostanze stupefacenti. Il servizio su strada di controllo del territorio da parte delle pattuglie della Guardia di Finanza, svolto senza soluzione di continuità, ha reso possibili 7.112 controlli agli autoveicoli, 9.497 controlli a soggetti italiani e stranieri (1.244), evidenziando 221 violazioni al Codice della Strada.

 

Lotta al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti. - Particolarmente efficace è risultata l'azione svolta dai dipendenti Reparti operativi a contrasto dello spaccio e del traffico di droga. I 130 interventi svolti nell'anno 2010 hanno consentito di sequestrare complessivamente circa 27 chili di sostanze stupefacenti, di cui circa 6 chili di cocaina, circa 400 grammi di eroina ed oltre 20 chili fra hashish e marijuana.  23 sono stati i responsabili arrestati mentre 52 sono state le persone denunciate a piede libero all'Autorità Giudiziaria. 93 sono state le persone segnalate al Prefetto.

 

Utile apporto è stato assicurato, in tale ambito operativo, dalle Unità Cinofile della 2ª Compagnia che sono state costantemente impegnate nell'effettuazione di controlli antidroga sull'intero territorio provinciale. Degno di nota risulta il sequestro effettuato dalla dipendente Tenenza di Lugo di una piantagione di "cannabis indiana" nella quale sono state rinvenute 16 piante ancora messe a dimora per un peso di circa 124 chilogrammi.  Arrestato un responsabile trovato in possesso anche di 2.490 semi ed oltre 16 chilogrammi di canapa essiccata.

 

Attività di contrasto all'immigrazione clandestina - Nell'ambito dello svolgimento delle attività istituzionali (principalmente nei settori del contrasto alla vendita di prodotti contraffatti, della lotta al lavoro nero e del contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti), sono stati individuati 20 immigrati clandestini, per i quali sono state avviate le procedure di espulsione. Tra questi, 5 sono stati arrestati per specifiche violazioni alla normativa anti-immigrazione.

  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contrasto ai reati comuni ed alle violazioni al Testo Unico di Pubblica Sicurezza - Nel corso dei servizi volti alla repressione dei reati comuni e delle violazioni al Testo Unico di Pubblica Sicurezza, sono stati arrestati 14 responsabili. 148 le denunce inoltrate all'Autorità Giudiziaria.


Ravenna, nel 2010 scoperti 63 evasori totali dalla Finanza

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    @AD: informati un minimo prima di scrivere un commento carico solamente di qualunquismo: le leggi non le fa la magistratura!!! la magistratura le APPLICA!! sono i politici che le fanno/devono fare!! Intanto iniziamo a dire ai cari amici politici (il tuo amico B è il principale) di non fare più condoni!!!

  • Avatar anonimo di AD
    AD

    Bravi! Ne hanno presi altri. Il problema vero è che, in America li mettono in prigione,invece in Italia danno loro una medaglia: morale della favola chi paga le tasse sono sempre i soliti gonzi. Sarebbe ora che la magistratura, invece di pensare sempre a Berlusconi, cominciasse a fare leggi più severe per gli evasori.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -