Ravenna, nuove regole sull'inquinamento acustico

Ravenna, nuove regole sull'inquinamento acustico

Ravenna, nuove regole sull'inquinamento acustico

RAVENNA - Nuove regole sul rumore. Lunedì sera il consiglio comunale ha approvato all'unanimità l'adozione dell'aggiornamento della classificazione acustica e disciplina delle attività rumorose del Comune di Ravenna. "Lo scopo dello strumento è quello di definire un limite alla rumorosità ambientale. I limiti più elevati sono quelli previsti per le aree produttive, in cui i livelli di rumorosità sono più elevati", spiega l'assessore all'ambiente Gianluca Dradi.

 

"La classificazione acustica è un importante strumento per il contrasto dell'inquinamento acustico nelle nostre città - continua Dradi - Nelle aree urbane, infatti, sono presenti molteplici fonti di rumore ed i comuni hanno il ruolo importante di effettuare una pianificazione acustica del territorio. Lo strumento è quello della "classificazione acustica": con esso il territorio viene suddiviso in aree omogenee per gli aspetti urbanistici, demografici, di uso del territorio. A ciascuna di queste unità territoriali omogenee (UTO) viene assegnata una delle sei classi acustiche previste dalla legge. A ciascuna classe acustica sono associati, per legge, determinati valori di emissione (rumore massimo che può essere emesso da una sorgente sonora) ed immissione (valore che può essere immesso nell'ambiente) nonché valori di attenzione (che segnalano la presenza di un potenziale rischio per la salute) e di qualità (obiettivi da conseguire), differenziati per fasce orarie diurna e notturna. Lo scopo dello strumento è quello di definire un limite alla rumorosità ambientale. I limiti più elevati sono quelli previsti per le aree a più intensa antropizzazione (aree produttive), in cui i livelli di rumorosità sono più elevati (es. classi V e VI); all'opposto le aree in cui i livelli di rumore sono e devono essere più bassi, sono le aree protette come ospedali, parchi pubblici, scuole (classe I). La classificazione acustica è pertanto uno strumento tecnico-politico di governo del territorio, in quanto ne disciplina l'uso e vincola le modalità di sviluppo delle attività. Esso dialoga necessariamente con il Piano del Traffico e con la Programmazione Urbanistica".

 

"Il Comune di Ravenna - spiega l'assessore - aveva già adottato la classificazione acustica con delibera di Consiglio comunale del 2.07.2009, ma successivamente sono intervenute modifiche apportate dai seguenti atti: approvazione definitiva del RUE (28.07.09) ed approvazione dei POC (Piano arenile 21.12.09, Poc logistica e 2010-2015 il 10.03.11). Pertanto si è reso necessario provvedere ad una nuova adozione dello strumento per adeguare la classificazione acustica alle variazioni apportate alle destinazioni d'uso del territorio dagli strumenti urbanistici sopraelencati. Gli obiettivi perseguiti sono quelli di migliorare il comfort acustico, di garantire il rispetto dei limiti di rumorosità anche attraverso adeguamenti e mitigazioni, di evitare di produrre nuove situazioni di conflitto. A tal fine le Norme Tecniche di Attuazione introducono indirizzi e criteri per le future trasformazioni urbanistiche ed edilizie, per fare in modo che siano coerenti con la zonizzazione vigente. In particolare, qualora sia previsto l'insediamento di zone produttive in adiacenza a zone residenziali, le attività rumorose dovranno essere ubicate e condotte in modo da garantire il rispetto dei valori limite attribuiti alla classe acustica della zona residenziale ed i provvedimenti di contenimento e mitigazione dovranno essere espressamente previsti dal PUA (piano urbanistico attuativo). Sempre nelle Norme Tecniche di Attuazione è stato, inoltre, introdotto un capitolo dedicato alle "Attività rumorose" (cantieri, pubblici esercizi, spettacoli ecc...) che raccoglie in modo sistematico una disciplina attualmente frammentata in diversi regolamenti, normative regionali, ordinanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Successivamente all'adozione, il Consiglio sarà nuovamente chiamato a pronunciarsi sulle eventuali osservazioni che potranno essere presentate e quindi ad approvare lo strumento. A quel punto seguirà il piano di monitoraggio acustico del territorio, per verificare eventuali situazioni di incompatibilità della situazione esistente con la classificazione approvata e quindi dovranno essere predisposti i Piani di Risanamento acustico per porre rimedio alle incompatibilità rilevate".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -