Ravenna, parte la caccia: e scattano subito le prime sanzioni

Ravenna, parte la caccia: e scattano subito le prime sanzioni

Ravenna, parte la caccia: e scattano subito le prime sanzioni

RAVENNA - L'apertura della caccia è stata parzialmente condizionata dalle abbondanti piogge che, in particolare nella prima parte della mattinata, non hanno consentito lo svolgersi delle attività in buona parte del territorio della provincia. Nella mattinata di domenica si è svolta principalmente la caccia alla selvaggina stanziale, con una particolare concentrazione di cacciatori nel territorio lughese e in alcune zone di Russi e Ravenna che hanno portato all'effettuazione da parte della Polizia Provinciale di 56 controlli.

 

Questi controlli hanno portato a contestare 12 sanzioni tra cui 6 dovute al mancato rispetto delle distanze di sicurezza da strade e abitazioni, 4 per aver effettuato l'attività venatoria all'interno di colture in atto e 2 per trasporti di armi non scariche e non in custodia.

 

Nel pomeriggio si è svolta, invece, la caccia solo da appostamento alla migratoria e la Polizia Provinciale ha effettuato servizi preventivi per la caccia al di fuori dell'orario consentito che hanno portato ulteriori 47 controlli e 2 verbali.

 

Le maggiori presenze sono state rilevate nella zona del Fiume Reno a Mandriole e, in particolare, in località Ponte Rosso a Savio dove è stata riscontrata una concentrazioni di circa 150 cacciatori  convenuti nel luogo per sparare alle anatre presenti nelle zone umide del posto.

 

Ovviamente concentrazioni di questo tipo in una zona ristretta necessitano di un'attenzione particolare. La Polizia Provinciale ha  cercato di prevenire eventuali incidenti svolgendo un'opera di informazione preventiva per evitare che si sparasse dopo il tramonto, azione la quale, oltre che essere vietata dalla legge, può essere causa di incidenti viste le condizioni di oscurità.

 

Da sottolineare che questa è stata la prima apertura generale della caccia in cui è stato applicato il nuovo regolamento della Provincia di Ravenna relativo al coordinamento della vigilanza volontaria svolto in collaborazione con le Associazioni di volontariato e con gli Ambiti  territoriali di caccia e che ha portato ad una migliore distribuzione sul territorio di tutti i soggetti che esercitano funzioni di vigilanza in materia venatoria.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -