Ravenna, PdL contro il sindaco: "Stagione negativa per Marina, colpa di Matteucci"

Ravenna, PdL contro il sindaco: "Stagione negativa per Marina, colpa di Matteucci"

Ravenna, PdL contro il sindaco: "Stagione negativa per Marina, colpa di Matteucci"

RAVENNA - "Sul turismo il sindaco Fabrizio Matteucci ha messo in scena una commedia che non ha convinto ne' i cittadini ne' gli imprenditori. Al di la' di quello che millanta il sindaco, infatti, a Marina e Punta la stagione finisce con lo scontento di chi chiudera' i battenti con le casse che languono". Lo dichiara il consigliere regionale e coordinatore provinciale del Pdl di Ravenna Gianguido Bazzoni.

 

"Come se non bastasse la politica miope che il sindaco ha deciso di perseguire senza voltarsi indietro- aggiunge Bazzoni in una nota- Matteucci millanta risultati in tema di sicurezza pubblica che non sono affatto dovuti alla sua azione, a maggior ragione se il coordinamento delle forze dell'ordine sul territorio, fatta eccezione per il corpo di polizia municipale, non spetta a lui ma al prefetto". Infatti, "quando si tratta di azioni coordinate tra i vari corpi sono le ordinanze del questore, non di certo quelle del sindaco, l'unico punto di riferimento a cui attenersi".

 

Quanto poi alla situazione di Lido di Classe, "dove il sindaco ha voluto far sapere che la prostituzione e' diminuita, come se questo fosse stato dovuto agli interventi della polizia municipale, stupito e non poco dalle sue dichiarazioni- afferma l'esponente del Pdl- ho chiesto un incontro al Colonnello Fabio Rizzo, comandante provinciale dei carabinieri, che molto cortesemente ci ha ricordato quanto gia' riportato quest'estate dalla stampa: e cioe' che per contrastare il fenomeno della prostituzione a Lido di Classe, problema sollevato anche da me

con un'interrogazione in Regione alla quale viale Aldo Moro ha risposto confermandoci lo stato di degrado, il Comando della Compagnia dei carabinieri di Cervia-Milano Marittima dal primo

agosto al 31 agosto di quest'anno ha impiegato ogni giorno, dalle 23.30 alle 2.30, la stazione mobile dei carabinieri".

 

Si tratta, spiega Bazzoni, di "un furgone attrezzato che fa da base ai carabinieri che pattugliano

le vie considerate lo snodo del sesso, creando vita difficile a chi si prostituisce, ai loro clienti e ricevendo segnalazioni dai cittadini. E' solo grazie a questo se a Lido di Classe, dove l'amministrazione e' stata fino ad ora latitante, senza alcuna azione incisiva, si e' arrivati a qualche risultato. Allo stesso tempo a Lido di Savio e' stato chiesto l'ausilio permanente di un carabiniere e di un maresciallo sovra-organico, arrivando cosi' a un totale di sette carabinieri e tre marescialli, numeri che aumentano ulteriormente nel periodo estivo".

 

E "persino di fronte alla situazione difficile della viabilita' in prossimita' di Mirabilandia, dovuta per fortuna all'affluenza di milioni di visitatori che ogni stagione il parco divertimenti registra, e'

stato il costante e continuo intervento dei carabinieri a garantire la percorribilita' dell'Adriatica in quel tratto". Insomma, "il sindaco- attacca Bazzoni- pensa di essere piu' lungimirante degli imprenditori e piu' efficace di prefetto e questore messi insieme. I risultati sono pero' sotto gli occhi di tutti e soprattutto dei cittadini. E i meriti vanno dati a chi li ha- conclude il consigliere regionale- cioe' a tutte le forze dell'ordine che ogni giorno presidiano il nostro territorio". (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -