RAVENNA - Raffica di nuovi nomi per strade e piazze

RAVENNA - Raffica di nuovi nomi per strade e piazze

RAVENNA - L'assessore ai Servizi demografici Giovanna Piaia ha presentato le proposte della Commissione Toponomastica alla giunta comunale che ha deliberato oggi l'assegnazione di toponimi per le nuove strade e piazze situate nel territorio comunale.

Nella circoscrizione Seconda, il sottopasso da viale Alberti al parcheggio dell’Ipercoop sarà dedicato all’architetto Ludovico Quaroni (1911-1987), mentre la rotatoria su via Quaroni prenderà il nome di rotonda Ungheria.


Nella circoscrizione Prima, tra via Fuschini e via Faentina sotto al ponte sorgerà la rotonda Malta, mentre tra via Faentina, via Fuschini e via Naviglio sorgerà la rotonda Polonia. A Fornace Zarattini, per la nuova strada che parte da via Giannello sarà ripristinato l’antico toponimo di via Fantina Vecchia, mentre su via Faentina sorgerà la rotonda dei Fornasari.

Nella circoscrizione Terza, la rotatoria tra via Romea Nord e via delle Industrie prenderà il nome di rotonda Cipro.


A Mezzano la strada da via Carrarone Chiesa sarà intitolata alla poetessa Ada Negri (1870-1945), mentre la nuova traversa di via Ada Negri sarà intitolata alla scrittrice Matilde Serao (1865-1972). Casalborsetti renderà omaggio a due parroci, a via Don Giovanni Lazzarotto (1920-1978) sarà dedicato il piazzale Marrani a via 4 Agosto; la traversa di quest’ultima fino a via Ortolani prenderà il nome d via Don Franco Stevanato (1934-2001).

A Marina di Ravenna, sorgeranno via Marinara, strada della lottizzazione omonima, e la nuova rotonda della Colonia, tra viale dei Navigatori e viale della Pace.


Al generale del Regio esercito Luigi Agliardi (1858-1931) sarà dedicato, a Savio, il tratto di strada da via Romea Vecchia e via dell’Ortazzino; mentre San Bartolo renderà omaggio a Carlo Montanari (1906-1944), vittima dei fascisti con l’intitolazione della strada che va da via della Battaglia a via Pizzetti.

A Osteria saranno ripristinati due antichi toponimi, il tratto di via Lunga sarà via del Bordone, mentre la traversa della strada precedente prenderà il nome di via Pasolina.

Una serie di toponimi proposti dai bambini della scuola elementare di S.Zaccaria sono stati attribuiti a nuove strade: a Casemurate con via dell’Amore e via dei sogni (da via Bagnolo e traversa) e a San Zaccaria, con via della Felicità (da via Valentini).

A Madonna dell’Albero, da via Stradello sorgeranno due nuove vie entrambe dedicate a imprenditori: si tratta delle vie Evaristo De Stefani 1883-1966) e Giacomo Cirri (1906-1984). Da via Cirri partirà invece via Giuseppe Benelli (1903-1991), politico ravennate.

A San Pietro in Trento il tratto di strada da via Spazzoli a vicolo Bezzi sarà intitolato al parroco Don Anacleto Melandri (1901-1987).

La giunta è intervenuta anche in merito alla modifica di alcuni toponimi esistenti: a Casalborsetti il toponimo via del Paradello sarà attribuito alla traversa che congiunge via del Gavitello a via degli Scariolanti anziché alla traversa da via Spallazzi a via Argine Sinistro Lamone.


A Mezzano, invece, la piazza situata tra via Malatesta e via Melandri, su richiesta della Circoscrizione si chiamerà piazza della Cooperazione.

La giunta ha inoltre attribuito la denominazione di via Adriatica al nuovo svincolo sulla statale 16 che da via Romea Sud si congiunge con via Camillo Torres.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, a Marina di Ravenna, il nuovo tratto di strada sul porto canale, che congiunge attualmente via D’Alaggio a via della Fabbrica Vecchia, è stato denominato via della Foca Monica per dare continuità alla denominazione. Verrà infatti eliminato il toponimo via D’Alaggio che congiunge il nuovo tratto di strada all’attuale via della Foca Monica, in nome di una nota ristoratrice di Marina di Ravenna vissuta nella prima metà del Novecento e soprannominata appunto “Foca Monica”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -