Ravenna, raid notturni nelle abitazioni. Sgominata banda di stranieri

Ravenna, raid notturni nelle abitazioni. Sgominata banda di stranieri

Ravenna, raid notturni nelle abitazioni. Sgominata banda di stranieri

RAVENNA - Sgominata dalla Squadra Mobile di Ravenna una banda specializzata nei furti in casa. Le manette sono scattate per quattro clandestini di nazionalità albanese ed un moldavo, quest'ultimo con un regolare permesso di soggiorno. Le indagini, coordinate dal pm Cristina D'Aniello, sono scattate lo scorso febbraio, in seguito all'arresto del moldavo, trentenne, che la notte del 25 febbraio scorso rubò una "Porsche Carrera" in un'abitazione a Borgo Montone.

 

L'auto, ferma e con motore acceso, venne intercettata dalla Polizia in via Bramante. Nei pressi c'erano due individui, mentre un terzo si trovava a bordo di una "Chevrolet Matiz", affiancata alla Porsche. Alla vista della Polizia due riuscirono a dileguarsi.Il terzo, a bordo della ‘Matiz', venne bloccato. L'individuo, noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio, aveva subito ammesso di aver preso parte al furto della ‘Porsche' insieme a tre albanesi.

 

Oltre all'auto, i ladri portarono via una valigetta contenente assegni e documenti. Il 30enne spiegò agli inquirenti di aver conosciuto occasionalmente i suoi complici qualche giorno prima a Ravenna e di aver preso accordi per mettere a segno il furto. All'interno della Porsche i poliziotti trovarono e sequestrarono numerosi arnesi e altro materiale solitamente utilizzato per scardinare gli infissi ed effettuare furti in abitazioni, nonché un passamontagna, guanti e scarpe da ginnastica.

 

Il lavoro degli inquirenti ha permesso di risalire al resto della banda. Al vertice una coppia di albanesi di 20 e 23 anni residenti a Caivano, in provincia di Napoli, arrestati con la collaborazione delle forze dell'ordine locali e successivamente, trasferiti al carcere di Poggioreale. Nel corso di servizi di osservazione e pedinamenti è stato arrestato a Ravenna, anche un altro albanese, di 28 anni, clandestino, con precedenti per reati contro il patrimonio.

 

Mercoledì è stata notificata l'ultima ordinanza di custodia cautelare, nei confronti di un 28enne albanese. La Polizia ha effettuato altre perquisizioni che hanno portato al sequestro di materiale di presumibile provenienza furtiva, come preziosi, orologi, chiavi di auto e  personal computer, sul quale gli investigatori stanno effettuando altri approfondimenti. Sono in corso accertamenti anche per verificare eventuali coinvolgimenti dei quattro in altri episodi delittuosi, da estendersi anche in campo internazionale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -