Ravenna, riduzione delle emissioni in atmosfera degli impianti termici

Ravenna, riduzione delle emissioni in atmosfera degli impianti termici

RAVENNA - Su proposta dell'assessore provinciale all'ambiente, Andrea Mengozzi, il consiglio provinciale ha approvato a maggioranza - astenuto il gruppo FI-PdL - la delibera per il contenimento dei consumi energetici e la riduzione delle emissioni in atmosfera degli impianti termici.

 

Con la delibera, oltre a recepire disposizioni di leggi regionali e nazionali, il consiglio provinciale ha approvato un progetto che eroga 50mila euro a fondo perduto stanziati dalla Provincia per effettuare interventi manutentivi che saranno gestiti direttamente dai Comuni e l'informatizzazione del sistema di gestione e controllo dei dati relativi agli impianti di riscaldamento di 16 Comuni per i quali interviene la Provincia. Per legge i Comuni di Faenza e Ravenna provvedono da soli.

 

"La delibera - ha precisato Mengozzi - concorre al raggiungimento dell'obiettivo fissato dalla Regione per la riduzione delle emissioni in atmosfera. La Regione stima che, grazie al miglioramento delle caldaie, per il riscaldamento domestico si possa evitare la combustione di 140mila TEP (Tonnellata equivalente di petrolio), corrispondenti a minori emissioni in atmosfera di circa 300mila tonnellate di CO2."

 

"Oltre al beneficio ambientale, si consegue anche un generale miglioramento delle condizioni di sicurezza in cui operano le caldaie, a maggior tutela di tutti. Il progetto pilota che si avvia per la informatizzazione dei dati è sia una semplificazione, sia il modo per essere più efficaci nel ricondurre al rispetto delle norme quei pochi cittadini che ancora non fanno una corretta manutenzione del proprio impianto di riscaldamento, così concorrendo ad emissioni in atmosfera che vanno invece evitate. Gli impianti di riscaldamento domestico producono circa il 10% delle emissioni in atmosfera che tanto vituperiamo - ha concluso Mengozzi - e le producono nei mesi invernali in cui le condizioni sono più critiche, e per questo l'impegno profuso per ridurle è tanto più necessario."

 

I capigruppo Massimo Mazzolani (AN-PdL), Angelo Zoli (PD) e Guido Mondini (PdCI), e il consigliere Eliseo Dalla Vecchia (PD) hanno preannunciato il proprio voto favorevole.

 

Giovanna Benelli (FI-PdL) ha così motivato l'astensione: "Abbiamo votato contro il bollino blu perché paga solo chi sbaglia. Stavolta ci asterremo visti i benefici attesi."

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -