Ravenna, riunito il tavolo di coordinamento sull'economia e l'occupazione

Ravenna, riunito il tavolo di coordinamento sull'economia e l'occupazione

RAVENNA - Si è riunito, questa mattina, nella Sala Cavalcoli della Camera di Commercio , il Tavolo provinciale di coordinamento sull'economia e l'occupazione convocato dai presidente della Provincia, Francesco Giangrandi, e della Camera di Commercio, Gianfranco Bessi.

All'ordine del giorno , l'aggiornamento dati sulla situazione economica e sociale e la preparazione della prossima conferenza economica con la definizione dei gruppi di lavoro.

 

Ha aperto i lavori Bessi: "Il quadro dell'economia provinciale, pur in presenza di segnali di stabilizzazione, presenta ancora molti punti di debolezza sui quali enti e istituzioni, mondo del lavoro e sistema delle imprese devono continuare a lavorare per trovare soluzioni condivise finalizzate all'uscita dalla crisi e al rafforzamento del tessuto economico e sociale."

 

I diversi dati congiunturali riferiti al primo trimestre del 2010 confermano il permanere di una situazione di crisi con ritmi meno accentuati del 2009. Emergono primi significativi dati incoraggianti quali la crescita dell'export ( + 12,8 % ), dato migliore di quello nazionale e regionale, e la crescita dell'occupazione dipendente ( + 3,2 % ). Questi segnali incoraggiano previsioni Prometeia di un recupero, già nel 2011, di quanto perso tra 2008 e 2010 (vedi dati di sintesi allegati).

 

E' poi intervenuto il vicepresidente della Provincia, Claudio Casadio: "Confermo il nostro impegno a realizzare, entro l'anno, la nuova conferenza economica provinciale e a costruire un percorso di lavoro concreto e serrato che consenta alle istituzioni locali e soprattutto a tutte le forze economiche e sociali di essere realmente protagoniste della definizione dei contenuti e dei progetti che saranno elaborati e approvati. Essi costituiranno la base delle nuove politiche di concertazione. Non partiamo da zero; abbiamo un ampio patrimonio di proposte e progetti che, insieme, stiamo attuando. La crisi e i mutamenti negli scenari internazionali hanno determinato cambiamenti tali da imporci una rilettura attenta dei punti di forza e di debolezza della nostra economia e della nostra società e l'individuazione di progetti innovativi condivisi tra il pubblico e il privato."

 

Su tale base, d'intesa con i ricercatori di Nomisma, Casadio ha proposto al tavolo i gruppi di lavoro su cui da settembre si concentrerà il lavoro preparatorio della conferenza: sistema agro-alimentare; qualità sostenibilità (green economy) e competitività dei sistemi industriali; turismo; porto e sistema della mobilità; economia della conoscenza, tecnopoli e internazionalizzazione; politiche di

sostegno all'economia e semplificazione; coesione, welfare, sanità.

 

Luigi Scarola di Nomisma infine ha presentato una prima relazione d'inquadramento delle sfide che anche l'economia e la società ravennati devono affrontare: "Il nodo di fondo è che, nei mutati contesti internazionali, l'area dell'UE è a bassa crescita e l'Italia è fra i Paesi meno dinamici tanto che le previsioni parlano di un recupero dei livelli di produzione, reddito e occupazione pre- crisi solo dopo il 2014. La sfida è quella di contribuire attivamente, con scelte innovative, a invertire questo trend, ad accelerare la ripresa e a rideterminare le condizioni di una crescita stabile e sostenibile. Noi lavoreremo nei gruppi di lavoro per conciliare la più ampia partecipazione con il carattere concreto e operativo dei progetti che dovremo elaborare insieme. E che, soprattutto, la comunità provinciale dovrà attuare."

Dopo le relazioni sono intervenuti Giovanni Tampieri, presidente di Confindustria Ravenna, Antonio Cinosi, segretario provinciale della Cisl, i Sindaci di Faenza, Giovanni Malpezzi, e di Lugo, Raffaele Cortesi. Questi ultimi hanno dichiarato la piena disponibilità a fornire i dati delle rispettive conferenze economiche già realizzate nei loro territori. I gruppi proposti e la metodologia di lavoro sono stati approvati all'unanimità.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -