Ravenna: S.Alberto, convenzione e tariffe per il traghetto sul fiume Reno

Ravenna: S.Alberto, convenzione e tariffe per il traghetto sul fiume Reno

RAVENNA - Il consiglio provinciale ha deciso, col voto favorevole di tutti i gruppi ad eccezione dell'Udc astenuta, di rinnovare per altri 5 anni, la convenzione tra la Provincia e il Comune di Ravenna per il mantenimento della gestione del servizio del traghetto sul fiume Reno a S. Alberto.

 

La Provincia assume il servizio del traghetto sul Fiume Reno in località S. Alberto (RA) già gestito dal Comune di Ravenna attraverso l'Azienda Trasporti e Mobilità S.p.A. - ha spiegato l'assessore ai trasporti e mobilità, Gino Maioli - e si impegna a esercitarne la gestione direttamente o a mezzo di concessione a terzi. Gli oneri di gestione e la manutenzione delle strutture sono a carico della Provincia con la partecipazione del Comune di Ravenna. Quest'ultimo s'impegna a concedere alla Provincia il 50% della spesa per la gestione del servizio del traghetto fino a un massimo di 23mila euro. La spesa a carico della Provincia ammonta a 22.400 euro".

 

La Provincia provvede anche, annualmente, alla determinazione delle tariffe da applicare per l'utilizzo del traghetto, d'intesa con il Comune.

 

A tale proposito, Maioli ha ricordato che: "Nel luglio 2007, il gestore del Servizio di traghetto sul Fiume Reno ha chiesto  che venga presa in considerazione, alla luce degli aumentati costi di gestione derivanti dall'esercizio del servizio a lui affidato, una rideterminazione delle tariffe in vigore dal 2003. La Provincia ha provveduto a informare il Comune, ritenendo congrua la richiesta avanzata dal gestore. Il consiglio ha quindi votato e approvato le tariffe che entreranno in vigore il 1° giugno".

 

Sono intervenuti per preannunciare il proprio voto a favore: Giovanna Maria Benelli (FI-verso il nuovo partito dei moderati e dei liberali), Eliseo Dalla Vecchia (Pd-L'Ulivo) e Matteo Raspanti (Rc).

 

Francesco Morini, capogruppo Udc, ha affermato che: "La convenzione è troppo rigida. Se infatti i costi di gestione aumentassero del 100%, il Comune sarebbe tenuto a corripondere solo 23mila euro; tutto il resto sarebbe a carico della Provincia".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -