RAVENNA - Sabato la giornata nazionale della raccolta del farmaco

RAVENNA - Sabato la giornata nazionale della raccolta del farmaco

RAVENNA - Sabato 9 febbraio, in 32 farmacie della Provincia di Ravenna, si realizzerà la raccolta benefica organizzata dal Banco Farmaceutico; in questa giornata si raccoglieranno farmaci che non necessitano di prescrizione medica a favore degli oltre 3.000 bisognosi assistiti da 24 Enti convenzionati con il Banco Farmaceutico di Ravenna (case famiglia, centri avviamento professionale, caritas, recupero tossicodipendenti ecc).


È un fatto noto a tutti che, per patologie giudicate di minore importanza, farmaci che pur sono necessari (come antipiretici, analgesici, antitussivi, ecc.) sono a totale carico del paziente, ma è altrettanto evidente che, per questo motivo, le persone in difficoltà economica “fanno fatica” a curarsi: a questo bisogno risponde il Banco farmaceutico offrendo la disponibilità di questo tipo di farmaci, mettendo a disposizione gratuitamente la professionalità dei farmacisti, il contributo dei volontari della Compagnia delle Opere, la generosità di chi contribuisce acquistando i medicinali.


Si tratta di un’iniziativa, cresciuta in provincia di Ravenna anno dopo anno e che, interessando ormai praticamente tutto il territorio italiano, si è guadagnata, dal 2004, l’alto patronato del Presidente della Repubblica.


Nelle precedenti edizioni la partecipazione popolare nel ravennate è stata larghissima: DUE PERSONE SU TRE - tra coloro che sono entrati in farmacia il giorno della raccolta - HANNO DONATO ALMENO UN FARMACO e in molti si sono recati appositamente per sostenere l’iniziativa e compiere un gesto concreto di carità e di condivisione.

Il motivo di una partecipazione così consistente si deve, probabilmente, oltre alla proverbiale solidarietà del nostro territorio, alla consapevolezza che quanto raccolto, senza dispersioni o inutili sovrapposizioni viene, nei mesi successivi, immediatamente distribuito a chi ne ha bisogno.


Il meccanismo della raccolta è il seguente:

1 I volontari invitano i clienti a donare un farmaco da banco

2 I clienti delle farmacie acquistano un farmaco al quale viene associato un buono

3 I buoni corrispondenti, dopo il controllo di Federfarma, vengono consegnati agli Enti

4 Gli Enti distribuiscono i buoni agli indigenti assistiti o ritirano direttamente i farmaci qualora possiedano una struttura sanitaria al loro interno

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

5 Gli assistiti bisognosi, durante l’anno, si recano in farmacia o nella struttura sanitaria dell’ente dove ricevono il farmaco appropriato e un consiglio professionale adeguato



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -