Ravenna: sanguinosa lite per spaccio, due extracomunitari in manette

Ravenna: sanguinosa lite per spaccio, due extracomunitari in manette

Ravenna: sanguinosa lite per spaccio, due extracomunitari in manette

RAVENNA - Sanguinosa lite tra extracomunitari nella nottata tra mercoledì e giovedì per motivi legati allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il fatto è avvenuto a Ravenna in zona Bassette. Ad affrontarsi un senegalese di 24 anni, regolare in Italia, ed un tunisino di 25, clandestino. Il primo ha colpito il nordafricano con un cavatappi a leva nella parte destra della regione lombare, procurandogli lesioni giudicate guaribili dai medici del pronto soccorso in otto giorni.

 

La discussione è scoppiata in un parcheggio nei pressi di via Baiona dove il 24enne avrebbe affrontato il tunisino dopo che quest'ultimo avrebbe minacciato la compagna del senegalese per una dose di stupefacente a lui venduta, a suo dire, non corrispondente ai canoni di mercato. Alla vista della Volante della Polizia, uno dei due litiganti, che indossava un giubbotto bianco, si è dato alla fuga rapidamente alla fuga in direzione della vicina via Edison.

 

L'altro, dopo aver gettato un cavatappi in mezzo alla vegetazione, si è messo all'inseguimento del fuggitivo, che nel frattempo era riuscito a scavalcare una recinzione in filo spinato di un prefabbricato. L'inseguitore, identificato nel giovane senegalese è stato bloccato dagli agenti. Dopo alcune imprecazioni, ha spiegato che il fuggitivo aveva cercato di ferire la sua compagna, lì presente.

 

I poliziotti hanno perquisito la zona trovando ad un certo punto un uomo ferito, risultato poi essere il fuggitivo. Quest'ultimo, successivamente identificato nel 25enne tunisino, aveva una ferita nella parte destra della regione lombare che sanguinava vistosamente. Per questo motivo si è reso necessario l'intervento del "118": dopo le cure del caso, i medici lo hanno giudicato guaribile in 8 giorni. Gli accertamenti hanno consentito di appurare che si trovava sotto l'effetto di alcol e droga.

 

Dalla ricostruzione dei fatti, è emerso che la lite era scaturita per motivi legati allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nel parcheggio dove è scoppiata la lite, infatti, è stato recuperato un cutter con cui il tunisino aveva minacciato la compagna del senegalese e materiale usato per confezionare piccoli dosi di sostanze stupefacenti. Tutti e tre risultano gravitare negli ambienti legati al consumo e allo spaccio di droga.

 

In particolare il 24enne, ha alle spalle numerosi precedenti penali per reati contro la persona, lo spaccio delle sostanze stupefacenti, rapina e violenza sessuale. Il senegalese è finito in manette per spaccio di droga e lesioni personali aggravate, mentre il tunisino è stato arrestato  in quanto inottemperante all'ordine di espulsione del Questore di Ferrara nell'ottobre del 2009.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -