Ravenna, scuola. Oltre 300 precari dalla Cgil per rivendicare i loro diritti

Ravenna, scuola. Oltre 300 precari dalla Cgil per rivendicare i loro diritti

RAVENNA - "Ora o mai più": questo l'allarme lanciato per informare i precari della scadenza del 23 gennaio 2011, termine entro il quale i lavoratori potevano impugnare i contratti scaduti e rivendicare diritti non riconosciuti. A livello nazionale oltre 20.000 precari hanno scelto gli uffici legali della Flc Cgil per impugnare i contratti a tempo determinato stipulati nella scuola, nell'università, nella ricerca: "un dato che fa emergere, in tutta la sua drammaticità, l'abuso che l'amministrazione pubblica ha fatto reiterando contratti a termine su posti liberi" si legge in una nota della FLC CGIL Ravenna.

"In provincia di Ravenna sono oltre 300 i lavoratori che si sono rivolti ai nostri uffici legali - afferma Valeria Monti, segretaria provinciale della Flc Cgil -. Con il Collegato lavoro (Legge 183/2010) il Governo ha messo in atto una legge retrograda e vergognosa, che ha imposto tempi strettissimi per impugnare e fare ricorso contro rapporti di lavoro illegittimi, sperando di mettere una pietra tombale sulle proteste dei precari. Ma la campagna di informazione della Cgil ha spinto tantissimi lavoratori a non rinunciare a far valere le proprie ragioni e i propri diritti. Il tentativo di impedire i ricorsi è fallito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


La Flc "non ha mai nascosto la complessità della vertenza e non intende in alcun modo strumentalizzare questa vicenda né, tanto meno, speculare sulle pur legittime aspettative dei lavoratori precari e pertanto gli uffici legali dovranno effettuare valutazioni, caso per caso, per evitare di esporre i lavoratori a successivi giudizi negativi".

"In una fase - continua Valeria Monti- nella quale il Governo si accanisce contro la fascia più debole dei lavoratori, proseguendo nel lento ma inesorabile smantellamento dei loro diritti, e attaccando da diversi fronti (basti pensare a Pomigliano e Mirafiori) tutte le conquiste fatte dal Dopoguerra ad oggi, riteniamo indispensabile  utilizzare tutte le risorse e tutti gli strumenti per sostenere i lavoratori precari, dalle vertenze legali alle iniziative di lotta, per il superamento del precariato. Per questo la Flc Cgil, oltre alle vertenze, ha lanciato l'"Operazione Centomila":  una proposta che illustra come sia possibile l'assunzione in ruolo di 61.000 docenti e 39.000 Ata  garantendo, senza oneri aggiuntivi per l'amministrazione, la continuità didattica e dei servizi e quindi il  miglioramento dell'offerta delle istituzioni scolastiche".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -