Ravenna: siglata l'intesa col ministero per la valorizzazione della Caserma "Dante Alighieri

Ravenna: siglata l'intesa col ministero per la valorizzazione della Caserma "Dante Alighieri

Ravenna: siglata l'intesa col ministero per la valorizzazione della Caserma "Dante Alighieri

Venerdì mattina a Roma nella "Sala degli eroi" di Palazzo Baracchini, sede del Ministero della Difesa, si è svolta una cerimonia pubblica in occasione della sottoscrizione di protocolli d'intesa con cinque città, tra cui Ravenna per la valorizzazione e alienazione della Caserma "Dante Alighieri". Il Sottosegretario di Stato alla Difesa, Guido Crosetto, e l'assessore all'urbanistica del Comune di Ravenna, Gabrio Maraldi, hanno apposto la loro firma sul documento sancendo così i reciproci impegni e programmi per la nuova destinazione dell'immobile e del relativo comparto di via Nino Bixio, in pieno centro storico.

 

Il "cuore" del documento è rappresentato dall'impegno del Comune di giungere nell'arco di un anno a un  "Accordo attuativo di programma" che contenga - si legge all'articolo 6 del protocollo -  "in coerenza con lo strumento urbanistico vigente, l'edificabilità complessiva dell'area, le destinazioni d'uso, nonché i vincoli e i caratteri da rispettare in sede di formazione degli strumenti attuativi". Tali elementi contenuti nel Poc  (Piano operativo comunale), che sarà licenziato dal Consiglio comunale in una delle prime sedute del 2011 sono coerenti con gli obiettivi di valorizzazione e alienazione dell'immobile.

 

"Saremo in grado di elaborare l'Accordo di programma in un tempo decisamente inferiore ad un anno - dichiara l'assessore Maraldi - dal momento che il Poc, adottato in giugno, verrà approvato definitivamente dal Consiglio in tempi tali da accelerare  l'iter, una volta che la Soprintendenza  avrà espresso parere favorevole".

 

"Con la firma di oggi a Roma - aggiunge il sindaco Fabrizio Matteucci - abbiamo compiuto un passo decisivo verso la realizzazione uno degli interventi più significativi per la valorizzazione del centro storico, sia dal punto di vista della riqualificazione urbana che sotto il profilo  dell'offerta di aree di sosta (il Poc prevede un minimo di 200 nuovi spazi pubblici e 200 privati), di nuove residenze, di uffici e servizi pubblici. Che, insieme con le altre opere in cantiere quali Palazzo Rasponi e Piazza Kennedy e il numercato coperto miglioreranno il profilo della nostra città sotto tutti gli aspetti". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -