Ravenna: spaccia in un casolare abbandonato e fugge, arrestato tunisino

Ravenna: spaccia in un casolare abbandonato e fugge, arrestato tunisino

Ravenna: spaccia in un casolare abbandonato e fugge, arrestato tunisino

RAVENNA - Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale, falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità personale e clandestinità. Sono la sfilza di accusa per le quali i Carabinieri di Mezzano e del Nucleo Operativo e Radiomobile di Ravenna hanno arrestato venerdì sera, un tunisino di 23 anni, R.M. le sue iniziali, clandestino ed in Italia senza fissa dimora, con precedenti penali alle spalle.

 

I militari della stazione di Mezzano erano impegnati nel controllo di un casolare abbondato in via Campo Sportivo. Improvvisamente dalla finestra del primo piano e balzata una figura che si è dileguata nel buio in direzione di Mezzano. L'individuo è stato incrociato da una pattuglia del Radiomobile, tentando di sottrarsi alla cattura in una traversa buia. Tuttavia il suo tentativo di fuga è durato qualche centinaio di metri.

 

Alla vista degli uomini dell'Arma, l'uomo ha tentato di disfarsi di un involucro in nylon grigio scuro contenente 13 involucri di plastica bianca con 11,35 grammi di cocaina. Quindi ha affrontato i carabinieri, aggredendoli come se fosse un "ariete", facendoli cadere a terra. Ma dopo una breve colluttazione l'extracomunitario è stato ammanettato, grazie anche all'arrivo di un'altra pattuglia accorsa in aiuto.

 

Il nord africano ha dichiarato un falso nome, ma i successivi accertamenti hanno portato alla luce la sua vera identità. Presso il casolare i militari hanno fermato quattro assuntori, tre dei quali hanno confermato di essersi recati in quel luogo isolato per acquistare la droga. Tutti sono stati segnalati al prefetto di Ravenna.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -