Ravenna: sparì con i soldi del bar, condannato per appropriazione indebita

Ravenna: sparì con i soldi del bar, condannato per appropriazione indebita

Ravenna: sparì con i soldi del bar, condannato per appropriazione indebita

RAVENNA - Sparì all'indomani di una sagra con gli utili del bar di cui era socio accomandatario, di due televisori e di un telefonino cellulare. Il protagonista della vicenda avvenuta nel maggio del 2008 ad Alfonsine, un 29enne originario di Bolzano, è stato condannato in contumacia a sei anni di reclusione con l'accusa di appropriazione indebita, beneficiando della sospensione condizionale della pena. L'imputato era difeso dall'avvocato Paola Ranieri del foro di Bologna.

 

Dalla verifica contabile dei primi cinque mesi di attività del 2008 del bar era emerso una mancata registrazione di incassi per circa 20mila euro, che portò ad un ammanco di utili per la società di circa 7mila euro. Il processo si è svolto lunedì mattina nell'aula del tribunale di Ravenna davanti al giudice monocratico Roberto Evangelisti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -