Ravenna, strage di lupi. La Provincia: "Non cedere a paure ancestrali"

Ravenna, strage di lupi. La Provincia: "Non cedere a paure ancestrali"

Ravenna, strage di lupi. La Provincia: "Non cedere a paure ancestrali"

RAVENNA - La presenza del lupo nell'Appennino Faentino è oggetto di monitoraggio da parte della Provincia di e del Parco della Vena del Gesso Romagnola, in collaborazione con le Guardie Ecologiche Volontarie di Faenza e con alcuni cacciatori di selezione del Brisighellese. "La ricomparsa della specie nel nostro Appennino risale all'inizio dell'ultimo decennio appena trascorso" evidenzia l'assessore ai parchi Eugenio Fusignani.

 

"Si tratta di una presenza di grande importanza conservazionistica, poiché testimonia di un buon livello di equilibrio raggiunto dall'ecosistema collinare e ha degli importanti risvolti turistici".

Per l'assessore la presenza di questa specie non deve essere vista come una minaccia per gli allevamenti o come un fattore limitante per la presenza degli ungulati oggetto di prelievo venatorio, ma come una sorta di testimonial della buona qualità ambientale dell''Appennino Faentino, poiché "un ambiente capace di produrre un lupo è un ambiente sano, forte, perfetto"

 

E quindi: "Apprendo con grande dispiacere dei ritrovamenti di lupi uccisi da bracconieri nelle nostre colline, sia per la morte degli esemplari in sé, sia per la inevitabile presa di coscienza del fatto che c'è gente che non ha ancora acquisito quella maturità capace di renderla libera da ataviche e infondate fobie", continua l'Assessore Fusignani.

 

"Per quanto riguarda l'impatto sugli allevamenti- prosegue Fusignani - è necessario avviare le esperienze già condotte positivamente in altre province vicine, come, ad esempio, quella di Firenze (Monitoraggio del lupo ed esperienze di prevenzione danni in provincia di Firenze), in cui si è evidenziato che con piccoli investimenti (tra l'altro cofinanziati da Regione Emilia-Romagna e Provincia di Ravenna mediante la misura 226 del Piano di Sviluppo Rurale) mirati a mettere in sicurezza le greggi, il danno è praticamente azzerato. Inoltre, il danno arrecato agli allevatori è indennizzato dalla Provincia e dal Parco della Vena del Gesso, proprio nell'intendo di rendere più sostenibile la preziosa presenza del lupo nelle nostre colline".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -