Ravenna, taglio del nastro per il centro giovani Quake

Ravenna, taglio del nastro per il centro giovani Quake

Ravenna, taglio del nastro per il centro giovani Quake

RAVENNA - "Un bellissimo ‘polmone' nel cuore di un bellissimo quartiere, che diventerà ancora più bello con la riqualificazione della Darsena di città". Così il sindaco Fabrizio Matteucci ha definito venerdì pomeriggio il centro giovani Quake, intervenendo alla cerimonia di inaugurazione della struttura, in via Eraclea 25, al termine di lavori di ristrutturazione da 78mila euro, finanziati dal Comune, e con una nuova dotazione di arredi e strumentazioni per un valore di 35mila euro, messi a disposizione dalla Fondazione del Monte.

 

>LE IMMAGINI DELL'INAUGURAZIONE

 

Gli onori di casa li ha fatti il presidente della Terza circoscrizione Daniele Buda, che ha ringraziato tutti coloro che a vario titolo hanno contribuito e contribuiscono a fare del Quake un punto di riferimento per i ragazzi del quartiere. Analoghi ringraziamenti sono venuti dall'assessore al Decentramento Silvia Lameri. Buda ha poi dato la parola al prefetto Bruno Corda: "La presenza di centri come questo nei quartieri - ha detto il prefetto - è indispensabile. Si tratta di punti di incontro nei quali ci si può confrontare seguendo delle regole, ma in modo libero".

 

Da parte di Gianni Fabbri, vicepresidente della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, è giunta la conferma dell'impegno della Fondazione "nei confronti dei giovani e del sociale. Per questo abbiamo aiutato volentieri il Quake e continueremo a farlo: perché dà molto ai giovani e li tiene lontani da situazioni pericolose". Sono inoltre intervenute la responsabile del settore minori dell'Asp Claudia Malagola e la direttrice Susanna Tassinari.

 

Prima che il ‘palcoscenico' venisse lasciato ai ragazzi, protagonisti di una performance di danza hip hop e musica, il sindaco ha voluto sottolineare il ruolo degli operatori del centro: "Sono contento - ha detto rivolgendosi ai ragazzi - che qui vi troviate bene. Il merito è soprattutto degli operatori, perché le strutture sono molto importanti, e a questo proposito ringrazio la Fondazione del Monte, ma in situazioni come questa la differenza la fanno le persone. Gli operatori che vi stanno vicini e voi siete il vero ‘pezzo pregiato' di questo centro. Quello che mi auguro è che continuiate a sentirvi ‘protagonisti', rispettando le persone e le cose".

 

Prima della performance di danza e musica Jessica, rappresentante dei ragazzi, ha letto un messaggio a nome di tutti i giovani e ha consegnato la tessera di socio onorario del Quake al sindaco e agli altri ospiti.

L'appuntamento ha costituito anche l'occasione per la presentazione della pubblicazione "Pronti... Partenza... e... Quake", a cura degli operatori culturali della Terza circoscrizione, e del dvd "Un quartiere in movimento", realizzato durante un laboratorio estivo di videomaking, nel quale i ragazzi che ogni giorno frequentano il centro raccontano le loro esperienze e intervistano i cittadini della Terza circoscrizione sulla vita nel quartiere.

 

Anche la pubblicazione e il dvd sono stati realizzati grazie al contributo della Fondazione del Monte, che ha inoltre permesso l'acquisto di nuovi arredi, strumentazioni informatiche e di registrazione, in particolare per la sala musica. L'intervento di ristrutturazione finanziato dal Comune ha invece riguardato, all'interno del salone principale, la sostituzione del pavimento, la realizzazione di un nuovo controsoffitto e il rifacimento dell'impianto elettrico ed audio; la ristrutturazione del servizio igienico con adeguamento ai portatori di handicap; una manutenzione generale alle lattonerie, ai pluviali e alla copertura.

 

Il centro giovani Quake, uno dei servizi della Terza circoscrizione, è nato nel 1992. Si tratta di una struttura nella quale i ragazzi e le ragazze dai 12 ai 17 anni possono incontrarsi, stare insieme, parlare e confrontarsi. Svolge una doppia funzione: di animazione e di educazione.

 

Dal 1994 è gestito in collaborazione con il Consorzio per i servizi sociali, oggi Asp. I circa duecento ragazzi che ogni anno in media frequentano il Quake, aperto dal lunedì al venerdì dalle 15.30 alle 19 (per informazioni 0544.421261), possono incontrare i loro amici e conoscere nuove persone, ascoltare musica, ballare, partecipare a tornei di calcetto, guardare film, partecipare a laboratori e corsi (di video making, fotografia, teatro, ballo, musica...), giocare a ping pong, biliardino, giochi di società, play station, wii, usare computer, stampanti, scanner e navigare in Internet, festeggiare il proprio compleanno, proporre loro stessi l'organizzazione di eventi e iniziative. Inoltre il centro organizza uscite, gite ed escursioni, soggiorni estivi, feste serali a tema, ma anche iniziative per le famiglie e gli insegnanti.

 

Esiste anche, per chi lo desidera, un punto d'ascolto, momento riservato in cui i ragazzi e le loro famiglie possono raccontare agli operatori dubbi, esprimere paure, bisogni e venire eventualmente indirizzati a servizi più specifici per la soluzione dei loro problemi.


Ravenna, taglio del nastro per il centro giovani Quake

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -