Ravenna, turismo: agosto da record

Ravenna, turismo: agosto da record

Ravenna, turismo: agosto da record

RAVENNA - In aprile si erano registrate 12.162 presenze in più rispetto al 2008; lo stesso a maggio (+14.852 presenze), giugno (+15.021 presenze) e luglio (+43.649). Ora agosto fa segnare ben 119.345 presenze in più rispetto al 2008. Il numero degli arrivi dal 1° gennaio al 31 agosto è stato pari a 1.129.858, con 22.104 arrivi in più rispetto all'anno scorso (+ 2%) ma soprattutto le presenze sono cresciute del 2,83% (+172.650 rispetto al 2008) per un totale di 6.265.268, un dato che supera di 111.060 presenze quello record del 2007.

 

"Abbiamo saputo reagire a una situazione critica - commenta l'assessore provinciale al turismo Libero Asioli -, nonostante le difficoltà, gli enti pubblici hanno confermato le risorse degli anni precedenti. L'intervento economico straordinario della Regione per un'ulteriore campagna di promozione, ha certamente contribuito. Inoltre i nostri imprenditori hanno saputo trasmettere messaggi rassicuranti nei confronti dei turisti: siamo un territorio ospitale che sa offrire qualità a prezzi competitivi. Infine Unione di prodotto, Comuni e Provincia hanno fatto la loro parte, eventi come La notte rosa e il Riviera beach game sono stati determinanti per fare di agosto un mese da record."

 

Il dato complessivo nel Comune di Ravenna è in costante ascesa e si attesta a 2.598.541 presenze, pari al 4,14% in più rispetto al 2008. Ravenna città d'arte registra 350.058 presenze con un balzo del 10,78%. Ravenna lidi conta 2.248.483 presenze (+3,17%).

"Il dato di Ravenna merita attenzione per diverse ragioni - spiega Asioli - intanto per il risultato dei lidi che nel 2009 risultano in crescita soprattutto grazie al dato straordinario riscontrato in periodo di bassa stagione, (che contribuisce al rilevante dato del periodo, con quasi 40.000 presenze in più rispetto al 2008) e grazie al dato di agosto che è cresciuto anche oltre la media complessiva della località (+3,99%). Ancor più costante il percorso di Ravenna città d'arte che continua a crescere e, nel solo mese di agosto, registra un'impennata del +28,12% rispetto ad agosto 2008.

 

Il Comune di Cervia segna un agosto record con ben 1.186.897 presenze: il miglior dato assoluto per il mese di agosto nel comune di Cervia, con un positivo riflesso anche sul periodo complessivo gennaio-agosto (106.938 presenze in più, pari al 3,20%). Il totale delle presenze è superiore non solo al dato 2008, ma anche al dato record del 2007, con un totale di 3.451.321 . Ottimo anche il riscontro degli arrivi che nei primi otto mesi del 2009 sono stati 580.989, 20.000 in più rispetto al dato medio degli ultimi 2 anni.

 

Sommando il dato dei lidi ravennati e del cervese, si conferma il peso, sia assoluto che relativo, dei nostri due Comuni costieri che assommano 5.699.804 presenze, ovvero oltre il 90% delle 6.265.268 presenze totali registrate in provincia in questi primi otto mesi del 2009.

Anche Faenza conferma la sua crescita come città d'arte. Con le 82.075 presenze del periodo gennaio-agosto 2009, sale del 7,27% rispetto al 2008. Il dato delle presenze è in costante ed ininterrotta ascesa dal 2006. Faenza si conferma, sia nel mese che nel periodo, come la terza realtà turistica della provincia e come seconda città d'arte.

La collina, dopo un positivo fine anno nel 2008, registra una flessione di presenze modesta in cifre assolute, ma significativa in termini percentuali.

 

Riolo Terme, che pure ha avuto un mese di agosto di sostanziale tenuta, registra sul periodo gennaio-agosto 41.534 presenze (con un calo di quasi 7.000 presenze, - 14,47%); Brisighella registra 22.470 presenze (oltre 4.000 in meno rispetto allo stesso periodo del 2008, - 15,87%) e Casola Valsenio segna un totale di 2.019 presenze a fronte delle 3.665 del periodo gennaio-agosto 2008.

"E' necessario irrobustire i trend turistici dell'area collinare con eventi significativi per i quali la collina si è palesata come eccellente "location" - sottolinea Asioli - con la valorizzazione di nuovi segmenti, Parco ed enogastronomia di qualità, che creino nuove motivazioni per la vacanza in tale area e una ricalibratura dell'offerta, mirata al target più idoneo per questa tipologia di destinazione."

 

I comuni turistici della Bassa Romagna registrano un calo modesto ma generalizzato. Fa eccezione Bagnara che invece cresce leggermente. Il calo è dato dalla diminuzione del turismo d'affari,  prioritario per queste realtà, che è la tipologia turistica più esposta a flessione nei momenti di recessione dell'economia.

Esaminando da ultimo il trend del mercato, sia per quanto riguarda la tipologia di alloggio scelto, sia per quanto riguarda i flussi interni ed esteri, si nota la sostanziale tenuta del mercato alberghiero che anzi, con l'ottimo risultato di agosto (+5,29% di presenze rispetto all'agosto 2008), registra una crescita dell'1,56% sul periodo gennaio-agosto, totalizzando 3.901.336 presenze e raccogliendo oltre il 62% del mercato turistico complessivo.

 

In dettaglio si conferma la crescita costante degli alberghi di prima fascia (4 e 5 stelle) e il buon riscontro delle RTA (residenze turistico-alberghiere). Incoraggiante anche la ripresa dei 3 stelle. Continua invece il calo delle strutture ad 1 e 2 stelle; i turisti infatti sono sempre più disposti ad accorciare la vacanza, ma non a rinunciare a servizi, comfort e qualità.

Il mercato extra-alberghiero conferma la crescita, pari al 5% , e copre circa il 38% del mercato turistico. Al 31 agosto, si registrano 2.363.932 presenze in strutture extra-alberghiere. Anche qui il trend è chiaro: in calo ostelli e case per ferie, crescono tutte le altre tipologie, con la ripresa dei campeggi e il vero e proprio boom degli agriturismi che, con un totale sul periodo di oltre 32.000 presenze, crescono di oltre il 15% rispetto al 2008.

 

La composizione del mercato interno nel periodo gennaio-agosto 2009 conferma Emilia-Romagna e Lombardia come bacini principali.

L'Emilia-Romagna rappresenta il 28,64% degli arrivi e il 35,57% delle presenze per un totale di 1.852.155 (+0,18% rispetto allo stesso periodo del 2008). La Lombardia costituisce il 25,05% degli arrivi e il 26,94% delle presenze che risultano in crescita del 6,83% per un totale di 1.402.658.

 

Bene anche il Veneto con le sue 294.320 presenze (+4,75%). Il nord Italia si conferma dunque il macro bacino più importante del mercato interno totalizzando il 78,27% delle presenze italiane del periodo. Dato storicamente consolidato ed ulteriormente rafforzato dal periodo di crisi che fa prediligere mete "storiche" come il nostro turismo balneare e "relativamente vicine" come lo sono per noi le regioni dell'Italia settentrionale.

 

Nelle regioni centrali si confermano come principali i mercati di Toscana (in crescita del 2,06%) e Lazio, mentre cresce sensibilmente il dato delle Marche, seppur quest'ultimo con numeri assoluti ancora relativamente contenuti. In lieve crescita il dato del meridione con un positivo riscontro da parte della Campania che con 157.212 presenze si conferma in crescita (+6,29%) e si consolida come il maggiore mercato del mezzogiorno davanti alla Puglia (105.791 presenze, in crescita del 3,29%).

 

Il dato di agosto e la somma del periodo confermano infine il buon andamento del turismo straniero e sopratutto il trend in ripresa del mercato di lingua tedesca già emerso dai dati di giugno e luglio. Gli stranieri aumentano e passano da 1.016.629 (dato al 31 agosto 2008) a 1.058.753 (+4,14%) e, come accennato, spicca il dato di Austria, Svizzera e soprattutto Germania (che da sola cresce oltre il 16% e fa registrare 304.553 presenze; oltre 88.000 nel solo mese di agosto con una crescita su base-mese di quasi il 20%). Con gli altri mercati stranieri in leggera sofferenza sono stati proprio il sempre più importante mercato dell'Est Europa, nuovamente in crescita ad agosto e sul periodo, nonostante un leggero calo a luglio e, appunto, il mercato di lingua tedesca, a dare uno slancio positivo al mercato estero. Il "recupero" del tradizionale mercato tedesco, è stato favorito anche da un'efficace e capillare campagna promozionale della Regione e da un comportamento lungimirante in termini di commercializzazione, di prezzi e di servizi offerti dagli operatori.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -