Ravenna: turismo, per il 2011 si punta sulla "card del turista"

Ravenna: turismo, per il 2011 si punta sulla "card del turista"

Ravenna: turismo, per il 2011 si punta sulla "card del turista"

RAVENNA - Il consiglio provinciale ha approvato a maggioranza (astenuti AN-PdL, FI-PdL e Udc) le linee strategiche per la realizzazione degli interventi del programma turistico di promozione del Ravennate per il 2011. "La Provincia è tenuta ad approvare entro il 30 settembre dell'anno antecedente a quello di riferimento il proprio Programma Turistico di Promozione Locale", ha esordito l'assessore provinciale al turismo, Libero Asioli.

 

Tale adempimento deve essere osservato tenendo conto del Programma poliennale degli interventi regionali per la promozione e la commercializzazione turistica e deve avvenire in un contesto che favorisca la collaborazione tra gli operatori pubblici e privati - ha spiegato -. Col P.T.P.L. definiamo le priorità strategiche per la realizzazione degli interventi per lo sviluppo delle attività di promozione a carattere locale; le modalità procedurali cui si dovranno attenere i soggetti proponenti e attuatori degli interventi; le eventuali iniziative di promozione e valorizzazione dei territori e delle destinazioni turistiche".

 

"La nostra proposta di documento è stata sottoposta ai Comuni turistici e alle associazioni imprenditoriali del settore più rappresentative, ottenendo parere positivo - ha aggiunto -. La Provincia concentrerà la propria attività promozionale su tre temi fondamentali di intervento, agendo attraverso gli strumenti del marketing territoriale : l'informazione e la formazione degli operatori del sistema turistico provinciale; la comunicazione e promozione del territorio; la promozione e  commercializzazione dell'offerta turistica locale. Il primo obiettivo fa riferimento alle attività di accoglienza e di informazione rivolte ai turisti".

 

"Il compito che la Provincia si assume nei confronti dei 21 uffici  fra IAT e UIT è quello di sostenere con risorse economiche i servizi offerti da questi uffici perchè divengano un punto importante per l' avvio di un contatto permanente con i turisti per offrire loro in modo continuativo, tramite strumenti aggiornati di carattere telematico, informazioni sulle opportunità turistiche e culturali del territorio provinciale, differenziate a seconda degli effettivi interessi", ha chiosato.

 

"Per quanto riguarda il secondo obiettivo - ha concluso - svilupperemo due progetti, in grado di proiettare l'immagine del territorio sul piano nazionale e internazionale: il progetto della card turistica della provincia e quello dello sviluppo del turismo slow ( enogastronomia, natura, benessere). Infine, per quanto riguarda il terzo punto, puntiamo al potenziamento e alla  promozione dei grandi eventi del territorio, al web marketing e  all'ottimizzazione delle attività promozionali via web, alla promozione sui mercati esteri e all'attività editoriale".

 

"Mi astengo ma rilevo che in una città, Ravenna, che aspira a diventare capitale europea della cultura, mancano servizi igienici adeguati per i turisti. Va sostituita l'indicazione dell'E45 "Cesena - Roma" con la più appropriata "Ravenna -Roma", ha dichiarato Giovanna Benelli, FI-PdL.

 

 "La nostra offerta turistica deve saper coniugare più efficacemente mare e collina, Parco del Delta e collina perchè anche gli imprenditori privati la sentano come un'opportunità in più. Più attenzione e più incentivi devono andare alle nostre specificità ed eccellenze", ha spiegato Massimo Mazzolani, capogruppo AN-PdL.

 

Secondo Francesco Morini, capogruppo Udc, "il documento contiene molti spunti  interessanti nella promocommercializazione dell'offerta." Mattia Missiroli ha anticipato il proprio voto favorevole così come il capogruppo Roberto Bolognesi (RC) che ha però richiamato l'attenzione su "l'inadeguatezza del trasporto pubblico a servizio dei turisti:"

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -