RAVENNA - Tutti i modi per celebrare la Festa della donna

RAVENNA - Tutti i modi per celebrare la Festa della donna

RAVENNA - Sono numerosissimi i modi che le donne di Ravenna, attraverso varie associazioni e gruppi, hanno scelto per celebrare la giornata dell’8 marzo, prendendo in considerazione le tante diverse sfaccettature dell’universo femminile. Si va dagli incontri per parlare di cultura femminista e di diritti di parità in Europa agli appuntamenti con il cinema, il teatro, la poesia, il dialetto, la musica, le cene etniche, il ballo.


“Tante feste – commenta Giovanna Piaia, assessore alle Pari opportunità – ma anche impegno di testimonianza sulla condizione delle donne per evidenziare i deficit di parità nel lavoro, di rappresentanza nella sfera pubblica, di stato sociale a sostegno del lavoro di cura, per contrastare ogni forma di cultura di discriminazione basata su stereotipi di ruolo, per rivendicare rispetto e inviolabilità del corpo femminile.

Con la presentazione dei dati sull’accoglienza di Linea Rosa riconfermiamo il nostro impegno in prima linea a sostenere una nuova legge contro la violenza che preveda norme di punibilità adeguate alla gravità del reato e sostenga iniziative di prevenzione ad ampio raggio educativo e per servizi adeguati alla tutela delle donne.

Così ricorderemo le nostre concittadine vittime di inconcepibile violenza maschile, Dalia e Khadra, uccisa dal marito un anno fa.

Non troveremo pace nei nostri animi se non impegnandoci in nome loro per questa battaglia di civiltà delle umane relazioni”.


Questo il calendario completo delle iniziative in programma:


Il 3 marzo dalle 10 alle 12 nella sala forum della Seconda circoscrizione l’Università per la formazione permanente degli adulti propone l’incontro “Il Corpo e la legge”. Relatrice Maria Luisa Boccia, dell’Università di Siena. L’appuntamento è organizzato nell’ambito del “Progetto 8 marzo”.

Il 4 marzo alle 14.30 alla sala Kojak di Porto Fuori festa della donna: “Una nuova generazione di donne ‘resistenti’?”. Seguirà lo spettacolo teatrale “Oltre la maschera”. A tutti gli ospiti sarà offerto un buffet. Saranno inoltre sorteggiati alcuni premi. L’appuntamento è organizzato dal Comitato 8 marzo di Porto Fuori.

Il 4 marzo alle 12.30 nella scuola elementare di Ragone Festa della donna: pranzo a cura dell’associazione culturale e sportiva di Ragone. Allieterà il pomeriggio Vanda Budini, con zirudele e poesie. L’appuntamento è organizzato dalla circoscrizione di Roncalceci e dal circolo Arci di San Pietro in Trento.

Il 5 marzo alle 21 al Caffè Concerto di via Maggiore “Gugù, Cordula e le altre”: storie di donne ravennati di ieri e di oggi, omaggio a Mirca Modoni. L’iniziativa, a cura di Danilo Montanari, è organizzata dal Comune in collaborazione con Fidapa, Linea Rosa e Usciamo dal silenzio.

Il 6 marzo alle 21 alla sala 12 di Cinemacity sarà proiettato “Il segreto di Esma” di Jasmila Zbanic (ingresso 3 euro). La proiezione, nell’ambito della rassegna “Donne che invitano al cinema”, è organizzata dall’assessorato alle Pari opportunità e dal circolo Sogni.

L’8 marzo alle 11.30 alla sala Corelli del teatro Alighieri il sindaco, Fabrizio Matteucci, farà gli auguri a tutte le dipendenti comunali. Carmen Bendandi, Daniela Bevilacqua, Carla Fabbri e Oriana Fabbri condurranno la lettura a più voci “Ciacri”, tratta dall’opera poetica di Raffaello Baldini. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’istituto Schurr.

L’8 marzo dalle 14.30 al centro sociale La Quercia (piazza Medaglie d’Oro 4) pomeriggio di musica con il piano bar di Otto. Seguiranno, alle 16.30, un rinfresco e un omaggio di mimosa a tutte le partecipanti. Interverrà Giovanna Piaia, assessore alle Pari opportunità. L’iniziativa è organizzata dalla Terza circoscrizione, dall’assessorato alle Pari opportunità e dall’associazione Città Meticcia.

L’8 marzo alle 17.30 alla Ca’ de ven Linea Rosa presenterà i dati del 2006 relativi all’accoglienza. Si segnala inoltre che il 18 marzo il Ravenna Calcio giocherà con le maglie di Linea Rosa.

L’8 marzo dalle 15.30 alle 19 alla Casa Insieme (via Maroncelli 17) festa multietnica con spettacolo, musica e buffet organizzata dalla cooperativa sociale Il Mappamondo in collaborazione con la Fondazione del Monte e l’associazione Rumena – Moldava.

L’8 marzo alle 17.30 alla biblioteca Casa Guerrini di Sant’Alberto sarà inaugurata, alla presenza dell’artista, la mostra di pittura di Mirella Romagnoli “Carezze colorate… Volare in alto”. La mostra resterà aperta fino al 25 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18, il sabato dalle 8.30 alle 12, la domenica dalle 11 alle 12.30 e dalle 15 alle 18. L’evento è organizzato dalla circoscrizione di Sant’Alberto e dal centro culturale Casa Guerrini.

L’8 marzo alle 19.30 al circoli Arci di San Pietro in Trento Festa della donna: cena, musica e omaggio floreale a tutte le partecipanti.

L’8 marzo dalle 19.30 a mezzanotte al centro giovani Quake (via Eraclea 25) festa dedicata alle donne di tutti i paesi, italiani e stranieri. La serata si aprirà con un buffet di cibo multietnico; successivamente musica e ballo. Saranno anche fatte treccine e tatuaggi. L’iniziativa è organizzata da Città Meticcia e Casa delle culture. Aderiscono Donne in Nero, Agimi, Donne Cgil, associazioni Italo-Rumena e Mabuai.

L’8 marzo alle 20 al centro sociale La Pioppa di Mezzano cena; nel corso della serata sarà presentato il progetto “Il filo della memoria – le donne di Savarna protagoniste nel tempo”. L’appuntamento è organizzato dalla circoscrizione di Mezzano.

Il 10 marzo alle 21 alla sala Acli di Filetto “Donne d’amore”, canzone e poesia, a cura dell’associazione culturale “Come eravamo”.

Il 13 marzo alle 21 alla sala 12 di Cinemacity sarà proiettato “Il giardino delle vergini suicide”, di Sofia Coppola (ingresso 3 euro). La proiezione, nell’ambito della rassegna “Donne che invitano al cinema”, è organizzata dall’assessorato alle Pari opportunità e dal circolo Sogni.

Il 14 marzo alle 15.30 nella sala conferenze di piazza Arcivescovado 11 Giovanna Piaia, assessore alle Pari opportunità, tiene una relazione dal titolo “Road Map: per una responsabilità condivisa tra uomini e donne, tra famiglia e società”. L’organizzazione è del Centro italiano femminile (Cif).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 31 marzo alle 21 all’ex Almagià va in scena lo spettacolo teatrale “Radioracconto”, per la regia di Anita Guardagli e Carla Scala, dell’associazione Asja Lacis, allestito nell’ambito del laboratorio “Teatro e autobiografia – percorsi al femminile”. L’evento è promosso dalla Seconda circoscrizione, dall’assessorato alle Pari opportunità e dall’associazione Asja Lacis.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -