Ravenna: tutto pronto per l'apertura del polo scolastico Lama sud

Ravenna: tutto pronto per l'apertura del polo scolastico Lama sud

RAVENNA - Con la realizzazione del polo scolastico Lama sud, cresce la qualità dell'edilizia scolastica cittadina. Il termine dei lavori, avvenuto nei tempi stabiliti, consentirà lunedì 8 settembre l'apertura delle quattro sezioni del nido, mentre lunedì 15 toccherà ai bambini della scuola materna testare i nuovi spazi pensati dallo studio Giancarlo De Carlo e associati, vincitore del concorso a valenza europea, in stretta collaborazione con un gruppo di lavoro comunale composto da tecnici e da pedagogiste. L'inaugurazione ufficiale alla presenza di autorità locali e nazionali avverrà sabato 11 ottobre. Domani, venerdì 5, nel pomeriggio, verrà aperta con un'ordinanza la nuova strada, denominata via Vitruvio, che collega via Le Corbusier alla rotonda di via Marconi, provvista di quattro attraversamenti pedonali e di una sottostrada, che garantisce l'accesso al plesso e all'area del parcheggio. 

 

"E' sempre un grande evento aprire una nuova scuola  che va ad arricchire il patrimonio dei servizi offerti ai bambini - affermano l'assessore Elettra Stamboulis e l'assessore Andrea Corsini. Il Polo Lama sud, oltre ad essere motivo di orgoglio, rappresenta anche una occasione di riflessione generale sugli spazi della città dedicati ai bambini ed alle bambine ed offre spunti interessanti da sviluppare in futuro per la costruzione di una città che risponde sempre più ai bisogni dei bambini  e delle famiglie. Grazie al contributo delle fondazioni bancarie Cassa di Risparmio e Del Monte la città acquisisce un edificio scolastico d'eccellenza di grande pregio architettonico, realizzato con le più moderne tecnologie e con materiali particolarmente resistenti nel tempo".

 

L'opera - finanziata con il contributo paritario della fondazione della Cassa di Risparmio di Ravenna e della fondazione del Monte di Bologna e Ravenna con un investimento complessivo di 6 milioni e 350 mila euro rappresenta una tappa fondamentale nel sostegno concreto  allo sviluppo sociale, economico e culturale del territorio.

 

A sud del canale Lama, su una superficie di 22 mila metri quadrati sorgono, immersi in un grande giardino verde, un asilo nido in grado di accogliere 60 bambini, una scuola materna per 168 bambini con sei sezioni e una cucina, in prossimità della quale trovano spazio anche gli spogliatoi, i servizi del personale e i locali lavanderia.

 

La struttura conterrà anche un centro documentazione e uno spazio giochi al servizio dei bambini accompagnati nelle loro attività dai genitori. Il polo scolastico sarà dotato di tetti fotovoltaici, che convertono l'energia solare in energia elettrica.

 

Gli edifici sono circondati da ampi giardini in cui trovano spazio diverse aree giochi per i bambini. Nel giardino dei più piccoli (denominato "La scoperta della natura") sono state realizzate un'isola di pavimentazione in gomma colorata su cui saranno poi installati giochi, tra cui anche "La vasca di sabbia". Nel piccolo bosco è ospitato "Il cerchio magico", realizzato con sezioni di tronchi di diverse misure disposti a semicerchio e colorati di blu tuareg. I giochi sono costruiti utilizzando le piante stesse: è il caso del "Capanno" e della "Galleria di salice", ottenuti piegando giovani arbusti di salice fino ad arrivare alle forme volute. In altri casi si tratta di piccole strutture di legno come la "Casa sull'albero", ovvero una piccola piattaforma rialzata costruita intorno ad un albero, raggiungibile con una scala a pioli e coperta di rampicanti; o ancora "Il Labirinto e la collina".

 

Pensati per i bambini più grandi della Scuola Materna sono: "Il cantiere" , dove i piccoli potranno realizzare muri e piccole costruzioni con mattoni, assi di legno e teli e, quasi adiacente, "La piantonaia, la compostiera e gli orti": si tratta di semplici manufatti costruiti con assi di pino svedese, dove si potranno coltivare ortaggi e fiori.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci sarà anche "Il laghetto in sicurezza", ai cui bordi saranno piantate ninfee e papiri. A circa 10 centimetri dalla superficie saranno messi in opera dei piatti di acciaio inox su cui si appoggerà una rete elettrosaldata dello stesso materiale, che manterrà lo stagno sempre sicuro per i giochi dei bambini. Tutti i giochi e le diverse parti del giardino sono legati tra loro da una serie di pavimentazioni costituite da lastre di pietra di Luserna posate su malta di cemento a costituire dei "Passi persi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -