RAVENNA - Un corso sulla 'sicurezza industriale e sostanze pericolose'

RAVENNA - Un corso sulla 'sicurezza industriale e sostanze pericolose'

RAVENNA - È stato inaugurato questo pomeriggio, nella sede degli ex asili in via Tombesi dall’Ova dove si terranno le lezioni, il corso di alta formazione ‘Sicurezza industriale e sostanze pericolose’ dedicato alla memoria del ravennate Raffaele Rozzi, laureato in chimica industriale e morto eroicamente a Bilbao mentre cercava di salvare due colleghi in una vasca di depurazione di un impianto di biodiesel.


“Col suo gesto, Raffaele ha salvato due vite. Sono convinta che questo corso di alta formazione potrà contribuire a salvarne altre evitando nuovi sacrifici come quello di mio figlio”, è stato il commento di Luciana Susina, madre di Raffaele. Accanto alla madre di Raffaele e alla sorella Elisa, hanno aperto la prima giornata di lavori il sindaco Fabrizio Matteucci, il professor Ferruccio Trifirò, preside della Facoltà di Chimica Industriale dell’Università di Bologna, e il direttore di Fondazione Flaminia Antonio Penso.


“Si tratta – ha sottolineato Trifirò - di un iniziativa particolarmente significativa, che fra l’altro cade in un momento in cui la tematica della sicurezza sul lavoro è molto sentita, perché interpreta l’esigenza sociale di conoscere la pericolosità dei prodotti chimici al di fuori dell’industria chimica”. Antonio Penso, sottolineando l’efficace sinergia tra università e istituzioni, ha infine ribadito che “i risultati di questa iniziativa dimostrano che Ravenna ha le condizioni per candidarsi a polo d’eccellenza nella formazione sulla sicurezza sul lavoro”.


Il corso, organizzato dall’ Università di Bologna, dal Comune di Ravenna e da Fondazione Flaminia ha infatti ottenuto forte interesse registrando 23 iscritti più un uditore. Oltre a giovani neolaureati, tra gli iscritti forte è la presenza di professionisti, operatori e addetti alla sicurezza e alla prevenzione all’interno di aziende sia del territorio che di fuori provincia. Elevata la presenza di vigili del fuoco. Si registrano inoltre, tra i partecipanti, anche alcuni rappresentanti sindacali dei lavoratori all’interno di attività industriali e aziende parachimiche.


Il corso, indirizzato alla formazione di professionalità in grado di conoscere e prevedere incidenti derivanti da preparazione, manipolazione e trasporto di sostanze tossiche e/o esplosive, ha ricevuto il sostegno di Comune di Ravenna, Autorità portuale di Ravenna, Camera di Commercio di Ravenna, Associazione Prov.le Industriali di Ravenna e Sapir che hanno finanziato 9 borse di studio a copertura totale della quota di partecipazione.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -