Ravenna: un ponte con la Cina dall'Expo di Shangai

Ravenna: un ponte con la Cina dall'Expo di Shangai

Ravenna: un ponte con la Cina dall'Expo di Shangai

Con la presenza al Padiglione Italia si conclude giovedì la  missione a Shanghai della delegazione Trixs di Ravenna che ha  partecipato all'Expo mondiale e in tre giorni ha presentato la citta',  le imprese, l'universita' e l'arte del restauro e del mosaico a piu'  di 3.000 visitatori, a 180 imprese, a numerosi operatori turistici e  commerciali, ad insegnanti e studenti di due universita'. In  quest'ultima giornata i professori Ada Foschini, Giampiero Cuppini e  Andrea Nanetti, assieme al dirigente del consorzio capogruppo "Ciro  Menotti", Alberto Cellini, hanno concordato con l'ingegnere Yongkang Cao  i termini precisi di due interventi di ristrutturazione di antichi  edifici storici cinesi richiesti al gruppo di imprese ravennati.

 

Nel  contempo Wang Ruiguang, dirigente della scuola di formazione  sino-italiana della Tonji University ha proposto, tramite il vice  sindaco, alla Fondazione Flaminia, al Polo ed ai corsi di laurea  ravennati di scienze ambientali, giurisprudenza, ingegneria e  conservazione, la stipula di un accordo formativo che potrebbe  coinvolgere nel prossimo anno accademico 100 studenti cinesi con sede  di studio a Ravenna e la relativa assistenza fornita dal Collegio di  Cina.

 

Anche l'Istituto del commercio estero, ICE, si e' complimentato  con gli esponenti ravennati; i suoi funzionari si sono dichiarati  disponibili ad ogni sostegno: prevista per fine ottobre la  presenza a Ravenna di alcuni dei docenti e imprenditori cinesi che  perfezioneranno i contratti e gli accordi di collaborazione.

"E' molto  importante - sottolinea Mingozzi - che ad essere coinvolti siano  sopratutto i giovani laureati di Ravenna e gli esponenti di una scuola  di restauro e di mosaico prestigiosa che la nostra citta' offre ad un  paese in forte crescita mondiale come la Cina, così come i tecnici  dell'edilizia e delle infrastrutture saranno capaci di capaci di trasferire qui l'esperienza  acquisita in questi anni. Quindi un bilancio positivo - afferma - , valorizzato  anche dalla gentilezza e dall'ospitalita' che altri padiglioni  dell'Expo mondiale hanno voluto offrirci, quando abbiamo visitato la  Spagna, l'Inghilterra, la Cina e il Portogallo, nonche' gli spazi  espositivi di citta' come Venezia, Brema, Barcellona, Izmir, Montreal,  Seul, ricevendo sempre riscontri incoraggianti per la nostra  candidatura a Capitale europea della cultura".

 

"Se consideramo poi -  conclude Mingozzi -, che questa missione e' stata finanziata dalla  Regione Emilia-Romagna, dal Gruppo Cassa di Risparmio di Ravenna,  sostenuta dalle stesse imprese, e patrocinata dal Comune, dalla  Fondazione Flaminia, con il contributo dell'Autorita' Portuale e con 

l' impegno considerevole dell'agenzia Abc, la conclusione non puo' che  essere benaugurante per il futuro del comparto artistico e  conservativo che l'offerta ravennate puo' vantare.

Senza dimenticare  che l'arrivo di nuovi studenti cinesi realizza in pieno quella  vocazione internazionale che e' obiettivo irrinunciabile per la citta'  e per le nostre migliori espressioni artistiche".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -