Ravenna: una settimana per dire 'no' alle mafie

Ravenna: una settimana per dire 'no' alle mafie

Ravenna: una settimana per dire 'no' alle mafie

Un calendario di eventi per dire no alle mafie. Anche quest'anno l'istituzione infanzia e istruzione in collaborazione con le associazioni che operano a livello nazionale, Libera e Pereira, ripropongono iniziative rivolte a ragazzi e adulti per sensibilizzate l'opinione pubblica sul tema. "Un progetto che negli anni - ha sottilineato l'assessore all'infanzia e istruzione Electra Stamboulis  - è diventato sempre più consistente e che quest'anno si avvale di un testimonial come Giovanni Impastato".

 

Per mercoledì 3 marzo alle ore 20.30 all'Almagià, è previsto l'evento clou con la proiezione del documentario "Onda Libera" realizzato durante il percorso della Carovana della legalità, dall'Associazione Pereira. Seguirà l'intervento di Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato vittima di mafia, parlerà dell'esperienza della "Casa Memoria" di Cinisi che aprirà il dibattito. Chiuderà la serata il gruppo musicale dei Modena City Ramblers. Alla serata saranno presenti il sindaco Fabrizio Matteucci, l'assessore Electra Stamboulis e la rappresentante dell'associazione Libera Marisa Zani.

 

A conclusione del programma, sabato 6 marzo alle 11, l'intitolazione del parco della località di Campiano a Giuseppe Impastato, morto per mafia, che avverrà alla presenza del sindaco, dell'assessore al decentramento Silveria Lameri e del presidente della circoscrzione Davide Coralli. Venerdì 5 in serata, alle 21, la presentazione pubblica alle "Dune" di Campiano del libro scritto da Giovanni Impastato sulla vita del fratello Giuseppe, morto per mafia, dal titolo "Resistere a mafiopoli. Storia di mio fratello "Peppino".

 

Oltre alla somministrazione da parte di Camst, dal 15 al 19 marzo, di cibi provenienti dai terreni siciliani confiscati alla mafia, gestiti dalla cooperativa Placido Rizzotto, nelle mense scolastice per un totale di 35mila pasti, sono previsti una serie di incontri con Giovanni Impastato nelle scuole elementari e medie che coinvolgeranno circa 700 ragazzi. 

Alla realizzazione del progetto ha dato un contributo anche Coop Adriatica che da tempo è impegnata a sostenere le cooperative di giovani siciliani che mettono sul mercato i prodotti ricavati dai terreni confiscati alla mafia. Nel 2009 ha venduto 630mila euro di prodotti e quest'anno ha l'obiettivo di incrementare tale cifra di 20mila euro.   

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -