Ravenna: viabilità, via Cesarea in condizioni disastrose

Ravenna: viabilità, via Cesarea in condizioni disastrose

Un tratto 'incriminato'

RAVENNA - L'ormai centralissima via Cesarea che, appena fuori porta, congiunge via di Roma con via Romea Sud sulla linea nord/sud dell'attraversamento della città, "versa in condizioni strutturali e di traffico, e quindi di inquinamento e insicurezza, disastrose, abbandonata da sempre a se stessa e al suo degrado". E' quanto denuncia Alvaro Ancisi, capogruppo in Consiglio comunale di Lista per Ravenna, che rincara la dose: "E' dannosa per pedoni, automobilisti e case".

 

"L'annuncio - dice Ancisi in un'interrogazione - al momento improbabile, dell'installazione di autovelox fissi in alcune altre arterie cittadine sottoposte a traffico pericoloso, ma non certo in condizioni peggiori di via Cesarea, quello della riduzione dei limiti di velocità in gran parte della viabilità provinciale e comunale e quello del pur necessario, ma titanico, sottopassaggio ferroviario nella contigua via Canale Molinetto, hanno prodotto, di converso, negli abitanti di questa strada l'ennesima frustrazione da abbandono. Essi sanno bene che gli autovelox non possono essere installati nella loro strada, la quale strutturalmente non potrà mai rappresentare un tratto di viabilità di scorrimento, anche se funziona come tale; ma si chiedono se nessun altro provvedimento o intervento possa essere almeno immaginato per far fronte alle condizioni di degrado ivi esistenti".

 

"A titolo di esempio - continua Ancisi - ci hanno segnalato alcune delle più vistose contraddizioni: sulla via Rubicone, parallela alla via Cesarea, ma ristrutturata da capo a fondo e messa (nonché costantemente rimessa) in sicurezza al costo di milioni di euro, vige il limite di velocità di 30 km orari, che in via Cesarea è invece di 50 km. Il divieto di transito su questa strada per gli automezzi pesanti vale (peraltro con controlli inesistenti) dalle 7 alle 24, cosicché da mezzanotte alle 6 può passarvi di tutto, a beneficio del riposo di quanti vi abitano strettamente a ridosso e della loro incolumità se in orario notturno non si tappano in casa. Sulla parte sinistra rispetto al senso di circolazione, non esiste alcuna protezione tra la carreggiata e le case abitate: grave condizione di insicurezza molte volte segnalata all'amministrazione comunale inutilmente, quasi ad aspettare il morto".

 

"Resta il problema, già segnalato con l'altra interrogazione del 15 gennaio 2007, della pessima pavimentazione di via Cesarea, per cui, quando piove, vi si creano delle pozzanghere che, anche per la ristrettezza della carreggiata e per l'intenso traffico, producono, al passaggio dei veicoli, un forte disagio, sia per i pedoni, investiti dagli spruzzi, sia per le case, entro cui l'acqua entra attraverso gli infissi, rovinando le facciate e i portoni. Premesso quanto sopra, questa interrogazione si limita a chiedere al sindaco se intende mettere mano a interventi e provvedimenti che si propongano di sollevare via Cesarea dall'insostenibilità" conclude il capogruppo di Lista per Ravenna.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -