Ravenna, "Voglio vederci chiaro": i risultati della campagna contro alcool e droghe

Ravenna, "Voglio vederci chiaro": i risultati della campagna contro alcool e droghe

Ravenna, "Voglio vederci chiaro": i risultati della campagna contro alcool e droghe

RAVENNA - Martedì mattina in municipio sono stati presentati i risultati del progetto territoriale del Comune di Ravenna "Voglio vederci chiaro: io scelgo no droga no alcool" e che ha coinvolto 29 Comuni.  Nel corso di undici nottate, tra il 13 giugno e il 29 agosto, sono stati controllati 701 veicoli ed esaminati 614 conducenti: 580 sono risultati negativi, 33 positivi all'assunzione di alcol (due con tasso alcolemico superiore a 1,5), uno positivo all'assunzione di droghe

 

GUARDA LA FOTOGALLERY (di Massimo Argnani)

 

Gianluca Dradi, assessore alla Sicurezza, ha spiegato che il progetto si è articolato in una campagna informativa sui rischi dell'abuso di alcool e dell'uso di sostanze stupefacenti e in controlli su strada, che per la prima volta hanno riguardato la verifica dell'assunzione di droghe, coordinati dalla prefettura e realizzati da tutte le forze dell'ordine, con la presenza di un medico messo a disposizione dalla Ausl e la collaborazione della Croce rossa.

 

Nel corso di undici nottate, tra il 13 giugno e il 29 agosto, sono stati controllati 701 veicoli ed esaminati 614 conducenti: 580 sono risultati negativi, 33 positivi all'assunzione di alcol (due con tasso alcolemico superiore a 1,5), uno positivo all'assunzione di droghe (cannabis - i controlli sulla assunzione di droghe sono stati fatti su una settantina di conducenti, in quanto richiedevano un certo periodo di tempo), nessuno positivo sia all'assunzione di alcol che a quella di droghe. Nessuno ha rifiutato di sottoporsi agli esami tossicologici. E' stato confiscato un veicolo e sono state ritirate 25 patenti.

 

L'assessore Dradi si è detto positivamente sorpreso da tali risultati.

Soddisfatto anche il prefetto, Riccardo Compagnucci: "Siamo di fronte a risultati ottimi, ma questo non vuol dire che si possa né si debba abbassare la guardia o cantare vittoria. Siamo consapevoli che il fenomeno dell'abuso di alcol e del consumo di droga c'è e continua ad esistere ma siamo anche consapevoli che in questi anni in questa provincia è stato fatto un lavoro serio, che va proseguito in termini di controlli, di repressione, di informazione. Condivido pienamente la feroce determinazione del sindaco nella lotta allo sballo".

 

Giovanni Cortesi, medico del Sert, ha illustrato le modalità con le quali sono stati eseguiti i controlli e ha detto di valutare positivamente i risultati alla luce delle attività di prevenzione e sensibilizzazione costantemente condotte dal Sert negli ultimi anni: "Possiamo ritenere - ha detto - che tale lavoro abbia comportato una assunzione di responsabilità".

 

Infine il sindaco, Fabrizio Matteucci, riprendendo le parole del prefetto ha sottolineato come ci sia piena collaborazione e intesa tra amministrazione comunale, prefettura e forze dell'ordine e ha ribadito che "l'impegno contro il consumo di droga e l'abuso di alcol deve essere permanente, perché ci troviamo di fronte a una lotta che può registrare successi e insuccessi e che non può mai dirsi vinta, e deve concretizzarsi in tre direzioni: informazione, prevenzione, repressione. In particolare voglio commentare il dato relativo all'alcol: la percentuale di conducenti positivi all'assunzione di alcol, anche facendo riferimento ai controlli ordinari e non solo a quelli fatti nell'ambito di questo specifico progetto, è in netto calo rispetto agli anni passati. Non siamo in grado di dire se tale diminuzione è riferita solo al momento della guida di un veicolo o se è generalizzata, tuttavia questo risultato positivo ci dice che dobbiamo proseguire su questa strada con sempre maggiore impegno".


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -