Ravenna, volume su Francesco Lovatelli. Il vicesindaco ringrazia la CaRisp

Ravenna, volume su Francesco Lovatelli. Il vicesindaco ringrazia la CaRisp

RAVENNA - Alle 18 di domani, per lo ‘Speciale Martedì' del Centro relazioni culturali, alla sala D'Attorre di Casa Melandri sarà presentato il volume di Francesco Lovatelli "Viva il conte Checco, re d'Italia", edito da Longo. Con l'autore interverranno Franco Gabici e Giannantonio Mingozzi, che coglierà l'occasione per ringraziare il gruppo Cassa di Risparmio di Ravenna e la Fondazione Cassa, presieduti rispettivamente da Antonio Patuelli e Lanfranco Gualtieri, per l'impegno rivolto alla storia risorgimentale di Ravenna e in particolare per il contributo alla pubblicazione del libro. Si tratta di un testo sulla storia della famiglia Lovatelli, per oltre tre secoli intrecciata con quella di Ravenna.

 

Francesco Lovatelli, omonimo dell'autore e ultimo discendente della famiglia, venne ucciso in un agguato il 29 novembre 1856 e fu uno dei principali protagonisti del Risorgimento in Romagna. La sua famiglia abbandonò Ravenna dopo la sua morte e non vi tornò più, ma "il nome dei Lovatelli - afferma il vicesindaco Mingozzi - risuona ancora oggi in città per le numerose opere pubbliche e strade a loro intitolate e per i numerosi palazzi che ancora ricordano la storia della famiglia, da villa Ramona ai palazzi Rasponi. La presenza di Francesco Lovatelli a Ravenna, che salutiamo con piacere, consente di ricostruire la biografia di tutta la famiglia, i cui componenti a vario titolo fecero parte anche del governo cittadino, riportando alla luce una figura dapprima osannata ma poi dimenticata e che al passaggio per le vie cittadine veniva acclamata al grido di ‘Viva il conte Checco, re d'Italia'".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -