Ravenna, weekend con la musica del sud Italia

Ravenna, weekend con la musica del sud Italia

RAVENNA - Dopo i successi degli anni passati, l'associazione ravennate Gli Amici della Tammorra ripropone un fine settimana con la musica e il ballo tradizionali del sud Italia. L'appuntamento ha il patrocinio del Comune - assessorato al Decentramento, circoscrizione Prima, assessorato alle Politiche giovanili - il sostegno della Scuola di musica popolare di Forlimpopoli e dell'associazione culturale riminese Fermento Etnico.

 

Sabato alle 21.30 alle Artificerie Almagià Ensemble Nachiru in concerto. L'ingresso è libero; dalle 19 sarà allestito un mercatino di prodotti tipici. Gruppo fra i più validi sul territorio pugliese, l'Ensemble Nachiru suonerà la musica tradizionale del sud Italia. E' composta da Massimiliano Morabito (organetto diatonico), Daniele Vigna (chitarra amplificata e voce), Piero Balsamo (tamburello e voce), Patrizia Zacheo (tamburello e voce).

 

Ognuno di loro ha collaborato e tuttora lavora ad alcuni tra i progetti più importanti della musica tradizionale salentina e della bassa Murgia (Ariacorte, Salentorkestra, Pino Zimba e gli Zimbaria, Allabua, Tarantasocialclub, Jazzabanna, Skaddia, Uccio Aloisi, Notte Della Taranta...) spaziando dalla ricerca sul campo alla sperimentazione musicale, mantenendo sempre integro il contatto con le fonti della tradizione, sia riguardo al canto e gli strumenti, sia riguardo alla danza.

 

Sabato e domenica alla palestra Rava (via Landoni 2/A) ci sarà invece lo stage di danza "Pizzica Pizzica dall'alto al basso Salento", condotto da Patrizia Zacheo e Piero Balsamo, danzatori di grande fama nell'ambito del mondo popolare. Le lezioni si svolgeranno sabato dalle 15.30 alle 18, domenica dalle 10 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 16.30. Per iscrizioni e informazioni: 333.4757312, sara.maioli@email.it.

 

La Pizzica Pizzica, danza di tradizione del Salento, presenta una coreodiversità che pervade tutto il territorio. Spesso viene confusa e generalizzata in movimenti e passi standardizzati, in realtà molte aree presentano aspetti diversi che sono la ricchezza della tradizione.

 

Questo patrimonio, fortunatamente in mano agli anziani, viene esplorato da giovani ricercatori e appassionati che non si fermano alla semplice riproduzione dei movimenti, ma ne studiano il senso e i codici sopravvissuti fino ad ora, per cercare di tutelare questa eredità culturale che altrimenti rischia di essere reinterpretata e standardizzata.

 

Piero Balsamo e Patrizia Zacheo, grazie alla loro passione, hanno ricercato le origini della danza tra l'estrema propaggine meridionale del Salento e i confini della bassa Murgia, cogliendone aspetti nascosti e spesso poco noti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -