Ravenna, ''Liberi dalle Mafie''. Prendono il via gli incontri con gli studenti

Ravenna, ''Liberi dalle Mafie''. Prendono il via gli incontri con gli studenti

RAVENNA - Prendono il via gli incontri con un testimone vittima di mafia nelle scuole di Ravenna che hanno aderito al progetto "Liberi dalle Mafie" promosso dall'Istituzione Istruzione Infanzia. Dal 19 al 25 gennaio sarà a Ravenna Margherita Asta, i cui parenti (madre e due fratellini di 6 anni), furono uccisi dalla mafia nel 1985 nella strage di Pizzolungo per una tragica fatalità.

 

Il 19 gennaio la testimone sarà alla scuola secondaria di primo grado Viali di Sant'Alberto e alla scuola Mario Montanari di Ravenna; il 20 gennaio incontrerà gli studenti dell'istituto Damiano Novello mentre il 25 gennaio incontrerà i ragazzi della Don Minzoni e della Ricci Muratori. Gli studenti hanno già cominciato i laboratori sulla legalità tenuti dall' Associazione Pereira, partner del progetto, e sono stati preparati dagli insegnanti a questo significativo incontro.

 

Il progetto ‘Liberi dalle Mafie', giunto alla sua terza edizione, si propone attraverso diverse fasi di informare e sensibilizzare gli studenti e gli insegnanti delle scuole secondarie di I° grado di Ravenna sulle tematiche relative alla lotta contro le mafie, attraverso la promozione della legalità e della giustizia, della cultura democratica  e dell'impegno contro ogni forma di corruzione.

 

‘Liberi dalle Mafie' è promosso dal Comune di Ravenna - Istituzione Istruzione e Infanzia, insieme all'Associazione Pereira di Bagnacavallo, in collaborazione con l'Associazione Libera: nomi e numeri contro le mafie, Camst di Villanova di Castenaso e con il sostegno della Regione Emilia Romagna e di Coop. Adriatica. Hanno inoltre aderito al progetto l'Ufficio Scolastico Provinciale di Ravenna e il Siulp (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -