Redditi, la Romagna è più "povera" dell'Emilia. Rimini in coda

Redditi, la Romagna è più "povera" dell'Emilia. Rimini in coda

Redditi, la Romagna è più "povera" dell'Emilia. Rimini in coda

BOLOGNA - La piu' ricca dell'Emilia-Romagna e' Bologna, la piu' povera e' Rimini. Su 119 capoluoghi di provincia italiani, la citta' felsinea e' al sesto posto assoluto per reddito medio dichiarato nel 2008, con 24.792 euro. E' preceduta da quattro centri lombardi e uno veneto (Milano con 30.009 euro, Bergamo con 27.208, Monza con 27.145, Pavia con 25.873 e Padova con 24.959). Al buon piazzamento di Bologna fa da contraltare quello di Rimini.

 

Nella classifica Rimini e' al 95^ posto, preceduta, risalendo verso l'alto, da Massa (al 94^), Cosenza,

Matera, Agrigento, Ascoli Piceno, Nuoro, Olbia e Teramo (all'87^). Il "redditometro" e' pubblicato dal quotidiano 'Il Sole 24 Ore' che ha elaborato i dati del ministero dell'Economia sui redditi dichiarati dagli italiani due anni fa. C'è da dire che l'indagine è in qualche modo influenzata dal diverso peso dell'evasione ed elusione fiscale.

 

Tornando in Emilia-Romagna, dopo Bologna segue Parma, che e' in decima posizione con 24.456 euro medi dichiarati, poi c'e' Modena alla 16^ con 23.324 euro, Piacenza alla 26^ con 22.325 euro, e Reggio Emilia alla 32^ con 21.868. Al 41^ posto, sempre guardando al reddito medio dichiarato nel 2008, figura Ferrara con 20.826 euro e al 59^, proprio a centro classifica, c'e'  Ravenna con 19.620. Per arrivare alla prossima citta' romagnola bisogna giungere alla posizione numero 64, dove si trova Forli' che conta un reddito medio di 19.275 ed e' seguita dalla 'sorella' Cesena, penultima in regione con la sua 77^ posizione e 18.633 euro. Infine Rimini, 95^ su 119 con 17.569 euro, che 'batte' la 96^ Siracusa, la 97^ Benevento, la 98^ Enna, la 99^ Urbino e la centesima, Reggio Calabria. All'ultimo posto, a confermare il divario tra Nord e sud nei redditi, c'e'  Andria.

 

Nella prima parte della classifica, dove si trovano sette delle 10 citta' emiliano-romagnole censite dal "Sole", risalta il fatto che nelle prime venti posizioni ci sono dieci citta' lombarde, che la prima del centro Italia e' Siena all'8^ posizione (con 24.549 euro), seguita da Roma al 9^ posto con 24.509 euro, poi da Pisa (15^ con 23.407) e Firenze (17^ con 23.265 euro). Le citta' del centro occupano altre sette posizioni prima della 50^ e di Ravenna: si tratta di Ancona, Perugia, Livorno, Lucca, L'Aquila, Macerata e Pescara.

 

Commenti (13)

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    d-a-v-i-d-e: abbiamo due visioni diametralmente opposte su questa questione! punto! vedo che in generale (da tutti i commenti rilevati nel sito negli ultimi 3 mesi) che quantitativamente siamo spaccati circa a metà;( in leggerissimo vantaggio gli unionisti)..su questo nessuno può farci convergere! solo un eventuale referendum potrebbe definitivamente decretare la fine del dibattito per sempre! però , quanto meno, concordi sul rispetto della costituzione e quindi sullamodalità procedurale dell'art.132?

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Puntp primo: queste classifiche sono assurde. Certamente Milano con le sue industrie è in testa, ma questo non vuol dire che i milanesi siano più benestanti: la maggior parte sono operai che abitano in periferie orrende in appartamenti di due stanze. 2 - è ovvio che a Bologna, dove sono tutti o avvocati o professori o medici o imprenditori o impiegati statali e regionali il reddito sia + alto. 3 - come evadono i riminesi altrattanto lo fanno gli emiliani (si pensi a Tanzi), quindi il divario tra Em. e Rom. è ancora + ampio. Il dato riminese è clamoroso perchè sono collusi con S,Marino e credo perchè si tratta di un' economia stagionale, poi ci sono molti avanzi di galera che trovano ospitalità in riviera e che non compaiono certo nelle classifiche. 4 - Se la logica dello stare uniti ai + ricchi o dell'essere + grandi, allora perchè non ci uniamo alla Lombardia o al Veneto, o perchè non creare l'Emilia-Romagna-Umbria-Marche? Ma che razza di ragionamenti sono? In definitiva, di cosa stiamo parlando?

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    mm77 tu non sei assolutamente di sinistra..tu vai bene a braccetto con la LEGA o , peggio, col nostro Presidente del Consiglio...altro che "di sinistra"...denoto in te una totale mancanza di considerazione verso il testo costituzionale...verso la regolamentazione dei diritti/doveri dei cittadini...verso un testo che i Partigiani col sangue si sono conquistati in anni di dure vlotte e opposizioni!! Ma quale "di sinistra".....

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    il signor mm77 non ha ancora capito che la Costituzionela vuole violare lui..sull'art.132 gli ho già risposto più volte!!! MM77 sei un fuorilegge!! rispetta la Costituzione! vai a studiarti in un testo di diritto costituzionale cosa predispone l'art.132!!!

  • Avatar anonimo di Pace
    Pace

    Non credo che l'eventuale autonomia della Romagna risolverebbe i problemi. Riflettiamo: le maggiori entrate fiscali che arrivano dall'Emilia vanno a beneficio anche della Romagna. Questo articolo mette in luce come vi sia qui da noi una pervasività di lavoro nero ed evasione fiscale che sta diventando insopportabile. Cesena risulta la 77° provincia in Italia, dopo molte città del sud, ma io quando vado in giro vedo molto benessere e ricchezza. Per non parlare di Rimini... Forse ci vorrebbe più onestà da parte di tutti e più controlli fiscali e sul lavoro nero.

  • Avatar anonimo di mm77
    mm77

    @Kenzo: Innanzitutto io sono di sinistra, gli slogan li lascio a quelli di destra che ancora non ci hanno dato questo sacrosanto referendum. Se sei così fazioso, e i compagni di partito ti hanno fatto il lavaggio del cervello sulla balla dei costi che persone già più competenti in ambito economico ti smonterebbero molto facilmente, da ridurla a una contrapposizione di parte, è un problema tuo, non vedo debba ricadere sui romagnoli che si fanno il mazzo. Intanto però Errani con la sua di propaganda (perchè la propaganda la fanno solo gli altri, lui no...) anche i boccaloni come te, che i costi altrui li subiscono volentieri. Vorrei una risposta, aldilà della tua contrarietà che in democrazia è legittima, trovi giusto che si violi la Costituzione e non si facciano decidere i cittadini ?

  • Avatar anonimo di jjazz
    jjazz

    come mai una regione piu' povera vuole dividersi da un altra piu' ricca? pensate se la terronia si volesse divide dal nord italia :) MAGARI!!!!

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Buonsenso , il problema non esiste, come dici tu, come si voterà alle regionali lo si farà anche per il referendum sulla Romagna ! no?

  • Avatar anonimo di caputese
    caputese

    Per quanto riguarda rimini, l'ennesima conferma di città piena di farabutti evasori!

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    per kenzo: sono assolutamente d'accordo con te....è ora di finirla con questa idea dell'autonomia..che porterebbe solo costi elevati..un periodo di transizione lungo e un peggioramento delle condizioni dei romagnoli...anche perchè in tutte le regioni d'Italia esistono squilibri e nella nostra meno che in altre!!! l'autonomia romagnola è ricercata soltanto da chi vorrebbe occupare più poltrone : mi riferisco al centro-destra che qui, fortunatamente, non ha mai governato!

  • Avatar anonimo di Kenzo
    Kenzo

    sì, MM77, regione romagna subito: in questo modo saremo veramente più ricchi! Romagna come Paperopoli, vivremo tutti in depositi colmi di fantastilioni di dollari!! non è che l'Emilia abbia un apparato produttivo ed industriale che noi ce lo sognamo, no... come dire, MM77: se ti capitasse di prendere la E45, ed arrivassi a roma, potresti verificare che il reddito medio a Roma è più alto, ad esempio, di quello di Frosinone. il che non significa che ci siano disonesti. significa che non tutte le zone (d'Italia ed anche, quindi, interregionali) possono avere uno sviluppo eguale. Regione romagna subito è l'idiozia massima, è lo slogan di chi vuole vendere il fumo dell'autonomia come la panacea di tutti i mali, senza ragionare sulla burocrazia, sul lievitamento dei costi amministrativi, sul ridimensionamento del peso politico ed economico sull'apparato centrale. ma tant'è.

  • Avatar anonimo di mm77
    mm77

    Si certo, la colpa è dei romagnoli, invece gli emiliani sono tutti cittadini onesti.... Questo confermo il netto divario tra Emilia e Romagna, pure il Sole 24ore ha dovuto ammetterlo. Regione Romagna subito !

  • Avatar anonimo di umbertone
    umbertone

    Crisi della paidina oppure un po' di crisi di onestà nella dichiarazione dei redditi?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -