Referendum, affluenza oltre il 60% in Emilia Romagna: la diretta

Referendum, affluenza oltre il 60% in Emilia Romagna: la diretta

Referendum, affluenza oltre il 60% in Emilia Romagna: la diretta

Si sono chiuse alle 15 le urne per i referendum su acqua pubblica, nucleare e legittimo impedimento. Il quorum in Emilia Romagna è stato ampiamente raggiunto. Per la scheda rosa, il cui quesito riguardava la privatizzazione dell'acqua, hanno votato il 64,1% degli avanti diritto; per la scheda gialla (profitti dell'acqua), la percentuale è del 64,1%. Per quanto concerne il quesito sul nucleare (scheda grigia) la percentuale è stata del 64,2%, mentre per la scheda verde (legittimo impedimento) 64,1%.

 

Nella provincia di Ravenna l'affluenza è stata del 63,7% per la scheda rosa, il 65,7 per la scheda gialla, il 65,7 per la scheda griglia e il 65,7 per la scheda verde. Alta anche l'affluenza nella provincia di Rimini, al 62,2% per il quesito sulla privatizzazione dell'acqua e il 65,3 per i restanti. A Cesenatico l'affluenza è stata del 61,2%. Nella provincia di Forlì Cesena l'affluenza è stata del 64,5%.

 

Segui la diretta

  

21.11 Le immagini dei festeggiamenti a Ravenna (Rafotocronaca)

  

21.10 Terminati gli scrutini a livello regionale: il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è stato espresso dal 95% dei lettori, mentre il no dal 5%. Il sì sul quesito sull'energia nucleare ha raggiunto il 94,3%, mentre il no al 4,7%. Il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è stato espresso dal 95,4% degli elettori, mentre il no dal 4,6%. Il sì sul quesito relativo alla privatizzazione dell'acqua è stato espresso dal 95% degli aventi diritto al voto, mentre il 5% si è espresso per il no.

  

20.41 In totale, nelle province di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna si sono recati alle urne circa 535mila persone delle 853mila aventi il diritto al voto

 

20.38 Terminati gli scrutini nella provincia di Rimini: il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è stato espresso dal 95,2% dei lettori, mentre il no dal 4,8%. Il sì sul quesito sull'energia nucleare ha raggiunto il 94,9%, mentre il no al 5,1%. Il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è stato espresso dal 96% degli elettori, mentre il no dal 4%. Il sì sul quesito relativo alla privatizzazione dell'acqua è stato espresso dal 95,7% degli aventi diritto al voto, mentre il 4,3% si è espresso per il no.

  

  

20.38 Terminati gli scrutini nella provincia di Forlì-Cesena: il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è stato espresso dal 95,1% dei lettori, mentre il no dal 4,9%. Il sì sul quesito sull'energia nucleare ha raggiunto il 94,3%, mentre il no al 5,7%. Il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è stato espresso dal 95,5% degli elettori, mentre il no dal 4,5%. Il sì sul quesito relativo alla privatizzazione dell'acqua è stato espresso dal 95,1% degli aventi diritto al voto, mentre il 4,9% si è espresso per il no.

  

20.17 Il popolo di Facebook ironizza col titolo del film: ''Avotar''
Il web è stato uno dei canali protagonisti della mobilitazione pro-referendum

 

19.49 La reazione del sindaco di Rimini Gnassi e del presidente della Provincia Vitali: "Non si tradisca l'esito del voto"

 

19.47 La reazione del sindaco di Cesena Lucchi: ''Anche il comune sarà conseguente''

 

19.46 La reazione del vicesindaco di Ravenna Mingozzi: ''Indicazione etica e culturale"

 

19.44 Terminati gli scrutini nella provincia di Ravenna: il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è stato espresso dal 95,3% dei lettori, mentre il no dal 4,7%. Il sì sul quesito sull'energia nucleare ha raggiunto il 94,5%, mentre il no al 5,5%. Il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è stato espresso dal 95,5% degli elettori, mentre il no dal 4,5%. Il sì sul quesito relativo alla privatizzazione dell'acqua è stato espresso dal 95,3% degli aventi diritto al voto, mentre il 4,7% si è espresso per il no.

 

19.39 Terminati gli scrutini a Forlì: il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è stato espresso dal 94,9% dei lettori, mentre il no dal 5,1%. Il sì sul quesito sull'energia nucleare ha raggiunto il 94,4%, mentre il no al 5,6%. Il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è stato espresso dal 95,5% dei elettori, mentre il no dal 4,5%. Il sì sul quesito relativo alla privatizzazione dell'acqua è stato espresso dal 95,1% degli aventi diritto al voto, mentre il 4,9% si è espresso per il no.

  

19.08 A livello regionale dopo 308 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 94,7%, mentre il no 5,3%. Dopo 3521 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 94,2%, mentre il no al 5,8%. Dopo 3790 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,3%, mentre il no al 4,7%. Dopo 4021 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 94,9%, mentre il no al 5,1%.

  

19.02 Terminati gli scrutini a Ravenna: il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è stato espresso dal 95,5% dei lettori, mentre il no dal 4,5%. Il sì sul quesito sull'energia nucleare ha raggiunto il 94,7%, mentre il no al 5,3%. Il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è stato espresso dal 95,5% dei elettori, mentre il no dal 4,5%. Il sì sul quesito relativo alla privatizzazione dell'acqua è stato espresso dal 95,3% degli aventi diritto al voto, mentre il 4,7% si è espresso per il no.

 

 18.59 Terminati gli scrutini a Cesena: il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è stato espresso dal 95,6% dei lettori, mentre il no dal 4,4%. Il sì sul quesito sull'energia nucleare ha raggiunto il 94,8%, mentre il no al 5,2%. Il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è stato espresso dal 95,8% dei elettori, mentre il no dal 4,2%. Il sì sul quesito relativo alla privatizzazione dell'acqua è stato espresso dal 95,4% degli aventi diritto al voto, mentre il 4,6% si è espresso per il no.

  

18.55 Terminati gli scrutini a Rimini: il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento ha raggiunto il 95,5%, mentre il no il 4,5%. Il sì sul quesito sull'energia nucleare ha raggiunto il 95,2%, mentre il no al 4,8%. Il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è stato espresso dal 96,2% dei elettori, mentre il no dal 3,8%. Il sì sul quesito relativo alla privatizzazione dell'acqua è stato espresso dal 96% degli aventi diritto al voto, mentre il 4% si è espresso per il no.

 

18.54 I sì toccano quasi il 96%

 

18.52 Cesena la città con più votanti

 

18.32 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 216 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 95%, mentre il no 5%

 

18.32 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 249 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 94,2%, mentre il no al 5,8%

 

18.32 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 278 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,4%, mentre il no al 4,6%

 

18.32 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 297 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 95%, mentre il no al 5%.

  

18.29 Nella provincia di Ravenna dopo 322 sezioni scrutinate su 399 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 95,3%, mentre il no 4,7%

 

18.29 Nella provincia di Ravenna dopo 331 sezioni scrutinate su 399 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 94,4%, mentre il no al 5,6%

 

18.29 Nella provincia di Ravenna dopo 351 sezioni scrutinate su 399 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,5%, mentre il no al 4,5%

 

18.29 Nella provincia di Ravenna dopo 388 sezioni scrutinate su 399 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 95,2%, mentre il no al 4,8%.

 

18.04 Nella provincia di Rimini dopo 162 sezioni scrutinate su 326 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 95,6%, mentre il no 4,4%

 

18.04 Nella provincia di Rimini dopo 222 sezioni scrutinate su 326 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 94,9%, mentre il no al 5,1%

 

18.04 Nella provincia di Rimini dopo 231 sezioni scrutinate su 326 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 96%, mentre il no al 4%

 

18.04 Nella provincia di Rimini dopo 228 sezioni scrutinate su 326 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 95,7%, mentre il no al 4,3%.

 

18.00 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 73 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 94,8%, mentre il no 5,2%

 

18.00 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 101 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 93,9%, mentre il no al 6,1%

 

18.00 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 179 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,5%, mentre il no al 4,5%

 

18.00 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 221 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 95,1%, mentre il no al 4,9%.

  

17.58 A livello regionale dopo 548 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 94,6%, mentre il no 5,4%

 

17.58 A livello regionale dopo 889 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 94%, mentre il no al 6%

 

17.58 A livello regionale dopo 1.422 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,2%, mentre il no al 4,8%

 

17.58 Dopo 1.929 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 94,9%, mentre il no al 5,1%.

 

17.39 Ecco i dati delle affluenze dei comuni del Riminese: Casteldelci: legittimo impedimento 54,1%, privatizzazione, profitti e nucleare 54,4%; Maiolo: nucleare 68,1%, privatizzazione, profitti e legittimo impedimento 68,2%; Monte Colombo: tutti 55,8%; Montescudo: tutti 54,6%; Pennabilli: legittimo impedimento 62,8%, profitti e nucleare al 63%, privatizzazione 62,9%; San Clemente: privatizzazione e profitti 60,7%, nucleare 60,8%, legittimo impedimento 60,6%; Sant'Agata Feltria: legittimo impedimento 64,7%, nucleare 64,4%, profitti e privatizzazione 64,6%; Verucchio: legittimo impedimento 64,3%, privatizzazione, profitti e nucleare 64,2%; Coriano: privatizzazione e nucleare 69,7%, profitti e legittimo impedimento 69,6%; Misano Adriatico: profitti e privatizzazione 61,6%, nucleare e legittimo impedimento 61,5%; Montefiore Conca: tutti 54,5%; Morciano: nucleare 59,5%, privatizzazione, profitti e legittimo impedimento 60%; Poggio Berni: nucleare al 71,8%, privatizzazione, profitti e legittimo impedimento 71,7%; San Giovanni in Marignano: tutti al 67,5%; Talamello: tutti al 62,5%; Gemmano: nucleare 57,9%, privatizzazione, profitti e legittimo impedimento al 57,8%; Mondaino: nucleare e legittimo impedimento al 62,6%, privatizzazione e profitti al 62,7%; Montegridolfo: legittimo impedimento al 66,1%, privatizzazione, profitti e nucleare al 66%; Novafeltria: privatizzazione e profitti al 65,1%, nucleare e legittimo impedimento al 65%; San Leo: tutti al 62,6%; Saludeio: nucleare e legittimo impedimento al 59,9%, privatizzazione e profitti al 59,8%; Torriana: nucleare 68%, privatizzazione, profitti e legittimo impedimento al 68,1%

 

17.33 Nella provincia di Rimini dopo 60 sezioni scrutinate su 326 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 95,5%, mentre il no 4,5%

 

17.33 Nella provincia di Rimini dopo 74 sezioni scrutinate su 326 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 94,8%, mentre il no al 5,2%

 

17.33 Nella provincia di Rimini dopo 132 sezioni scrutinate su 326 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 96,1%, mentre il no al 3,9%

 

17.33 Nella provincia di Rimini dopo 156 sezioni scrutinate su 326 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 95,7%, mentre il no al 4,3%.

 

17.28 Nella provincia di Ravenna dopo 92 sezioni scrutinate su 399 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 95,3%, mentre il no 4,7%

 

17.28 Nella provincia di Ravenna dopo 140 sezioni scrutinate su 399 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 94,4%, mentre il no al 5,6%

 

17.28 Nella provincia di Ravenna dopo 198 sezioni scrutinate su 399 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,6%, mentre il no al 4,4%

 

17.28 Nella provincia di Ravenna dopo 253 sezioni scrutinate su 399 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 95,3%, mentre il no al 4,7%.

  

17.22 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 71 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 94,8%, mentre il no 5,2%

 

17.22 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 93 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 94%, mentre il no al 6%

 

17.22 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 177 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,5%, mentre il no al 4,5%

 

17.22 Nella provincia di Forlì-Cesena dopo 218 sezioni scrutinate su 388 il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 95,1%, mentre il no al 4,9%.

 

17.15 A livello regionale dopo 380 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 94,6%, mentre il no 5,4%

 

17.15 A livello regionale dopo 718 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 93,9%, mentre il no al 6,1%

 

17.15 A livello regionale dopo 1.233 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,3%, mentre il no al 4,7%

 

17.15 Dopo 1.770 sezioni scrutinate su 4.519  il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 94,9%, mentre il no al 5,1%.

  

17.08 Ecco l'elenco delle affluenze nei comuni della provincia di Ravenna: Alfonsine: nucleare 73,9%, legittimo impedimento, privatizzazione e profitti 74%; Casola Valsenio: legittimo impedimento 57,3%, nucleare, privatizzazione e proftti 57,4%; Cotignola: tutti al 70%; Riolo Terme: nucleare 64,4%, legittimo impedimento, profitti e privattizazione 64,3%; Solarolo: tutti al 63,6%; Bagnara di Romagna: legittimo impedimento 71,3%; privatizzazione, profitti e nucleare 71,5%; Castel Bolognese: tutti al 63,2%; Fusignano: nucleare 70,5%, privatizzazione, profitti e legittimo impedimento al 70,4%; Brisighella: nucleare 61,6%; privatizzazione, profitti e legittimo impedimento 61,7%; Russi: tutti al 63,5%; Conselice: privatizzazione e profitti al 70,8%, nucleare e legittimo impedimento 70,9%; Massa Lombarda: tutti al 71,9%; Sant'Agata sul Santerno: nucleare al 63,5%, privatizzazione, profitti e legittimo impedimento al 63,2%

 

17.04 A livello regionale dopo 224 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 94,5%, mentre il no 5,5

 

17.04 A livello regionale dopo 430 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 93,7%, mentre il no al 6,3%

 

17.04 A livello regionale dopo 882 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,2%, mentre il no al 4,8%

 

17.03 Dopo 1.407 sezioni scrutinate su 4.519  il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 95%, mentre il no al 5.

 

16.48 Ecco l'elenco delle affluenze nei comuni di Forlì e Cesena. Bagno di Romagna: privatizzazione, nucleare e legittimo impedimento 62,8%, acqua profitti 62,9%; Castrocaro: privatizzazione, nucleare e acqua profitti 57,7%, legittimo impedimento 57,6%; Gambettola: tutti 65,6%; Montiano: privatizzazione e profitti 66,8%, legittimo impedimento 66,6%, nucleare 66,7%; Meldola: privatizzazione e profitti 61,9%, nucleare e legittimo impedimento 61,8%; Premilcuore: privatizzazione, profitti e legittimo impedimento 42,4%, nucleare 42,6%; San Mauro Pascoli: tutti 64.3%; Savignano sul Rubicone: profitti e privatizzazione 62,9%, nucleare e legittimo impedimento 62,8%; Verghereto: privatizzazione e profitti 55,1, nucleare e legittimo impedimento 55%; Civitella: tutti 59,9%; Forlimpopoli: nucleare 69,4%, profitti, privatizzazione e legittimo impedimento 69,3%; Portico: tutti 62,2%; Santa Sofia: tutti 64,5%; Rocca San Casciano: legittimo impedimento 55,8%, nucleare 55,9%, profitti dell'acqua 56%, privatizzazione 55,9%; Roncofreddo: privatizzazione e profitti 64,4%, nucleare 64,5%, legittimo impedimento 64,6%; Borghi: nucleare al 59%, privatizzazione, profitti e legittimo impedimento 59,2%; Dovadola: legittimo impedimento 57,3%, profitti, nucleare e privatizzazione 57,4%; Galeata: privatizzazione e profitti 55%, nucleare e legittimo impedimento 54,9%; Longiano: legittimo impedimento 71,2%, privatizzazione, profitti e nucleare 71,1%; Modigliana: profitti e privatizzazione 63%, nucleare e legittimo impedimento 62,8%; Predappio: nucleare 60,3%, profitti, privatizzazione e legittimo impedimento 60,2%; Sarsina: nucleare 60,2%, profitti, privattazione e legittimo impedimento 60,3%; Tredozio: nucleare e legittimo impedimento 62,2%, profitti 62,3% e privatizzazione 62,1%. Bertinoro: privatizzazione 67,5%; profitti e nucleare 67,4%, legittimo impedimento 67,6%

 

16.43 Dati affluenza a Cesenatico: 61,2% per la scheda rosa, 61,2% gialla, 61,2% grigia e 61,2,% verde

 

16.42 Dati affluenza a Forlì: 63,8% per la scheda rosa, 63,8% gialla, 63,8% grigia e 63,8,% verde

 

16.41 Dati affluenza a Cesena: 67,9% per la scheda rosa, 67,9% gialla, 67,9% grigia e 67,9,% verde

 

16.40 Dati affluenza a Ravenna: 65,4% per la scheda rosa, 65,4% gialla, 65,4% grigia e 65,5,% verde

 

16.39 Dati affluenza a Lugo: 65,4% per la scheda rosa, 65,4% gialla, 65,4% grigia e 65,5,% verde

 

16.35 Dati affluenza a Faenza: 63,4% per la scheda rosa, 63,4% gialla, 63,4% grigia e 63,5,% verde

 

16.35 Dati affluenza a Cervia: 62,8% per la scheda rosa, 62,8% gialla, 62,7% grigia e 62,7% verde

 

16.34 Dati affluenza a Bagnacavallo: 70,0% per la scheda rosa, 70,0% gialla, 70,0% grigia e 70,1% verde

 

16.31 Dati affluenza a Santarcangelo: 68,6% per la scheda rosa, 68,6% gialla, 68,5% grigia e 68,5% verde

 

16.30 Dati affluenza a Rimini: 60,5% per la scheda rosa, 60,6% gialla, 60,5% grigia e 60,5% verde

 

16.27 Dati affluenza a Riccione: 59,3% per la scheda rosa, 59,3% gialla, 59,3% grigia e 59,3% verde

 

16.25 Dati affluenza a Cattolica: 61,6% per la scheda rosa, 61,5% gialla, 61,6% grigia e 61,5% verde

 

16.23 Dati affluenza a Bellaria Igea Marina: 54,9% per la scheda rosa, 54,9% gialla, 54,9% grigia e 54,9% verde

 

16.19 A livello regionale dopo 3 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito relativo al legittimo impedimento è al 94,6%, mentre il no 5,1

 

16.17 A livello regionale dopo 8 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sull'energia nucleare è al 92,6%, mentre il no al 7,4%

 

16.16 A livello regionale dopo 36 sezioni scrutinate su 4.519 il sì sul quesito sui profitti dell'acqua è al 95,2%, mentre il no al 4,8%

 

16.14 Dopo 242 sezioni scrutinate su 4.519  il sì sul quesito sulla privatizzazione dell'acqua è al 94,6%, mentre il no al 5,4.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Referendum, affluenza oltre il 60% in Emilia Romagna: la diretta

Commenti (14)

  • Avatar anonimo di benni
    benni

    Cari amici la mia non è polemica, ed ho preso una posizione ben precisa e consapevole di fronte al referendum il cittadino ha 2 scelte: votare o non votare e se decide di votare può votare sì, no, scheda bianca o nulla Questo prevede la nostra costituzione spesso citata ma non conosciuta dai paladini del diritto e dai manichei del senso civico Il mio non voto ha espresso la mia posizione, non ho impedito nulla a nessuna La maggioranza ha preso una decisione e mi tocca rispettarla perchè le conseguienze positive e negative dei referendum sono di tutti E comunque protesto ancora per la violenza dei promotori del Sì , per favore andate a cancellare le scritte sui muri di Cesena a favore del referendum voi che avete senso civico

  • Avatar anonimo di Alessandro
    Alessandro

    @benni Perchè non parli e fai della polemica dopo che hai imparato a fare una X e ad andare a votare come senso civico comanda? Saluti

  • Avatar anonimo di giulianopedulli
    giulianopedulli

    A L'uomo qualunque, faccio presente che non ho parlato di vittoria del Pd, anche se il Pd, come altri, compresa una quota non secondaria di elettori del centro-destra, ha dato un contributo significativo al risultato. Ma non credo che serva appropriarsi di un qualche cosa che ha significati tali da andare oltre qualsiasi tentativo di questo tipo. Ho parlato di segnali che vanno colti, da parte del centrosinistra, perchè sono la base vera di una nuova alternativa. Può dispiacere a tanti che commentano, ma oggi è questo il terreno sul quale il centrosinistra si deve misurare, chiedendo a ciascuno di fare la sua parte. Gli ultimi due voti hanno dimostrato che di fronte a proposte concrete e credibili, gli steccati fra gli elettori sono saltati. E questo non vuol dire nuova appartenenza, ma stanchezza per l'attuale stato di cose e domanda di rigore e serietà. I partiti che ragionano solo in termini ideologici, saranno sconfitti. Per questo, al di là di posizioni del passato, che non sono esattamente così come le descrive L'uomo qualunque, la sintonia del Pd col Pese reale sta crescendo.

  • Avatar anonimo di stefano
    stefano

    Un voto che ha guardato, a mio avviso, poco ai quesiti e molto a dare una mazzata al premier e al suo governo. Una sorta di voto di sfiducia popolare di cui bisognerebbe tener conto. Purtroppo questa situazione si ripeterà, con da un lato un premier arroccato a resistere al potere con ogni mezzo e dall'altra il popolo che cercherà di cogliere ogni occasione per dirgli di andarsene...e queste cose spesso provocano danni collaterali.

  • Avatar anonimo di Ken
    Ken

    @Benni: il tuo "non voto" impedisce a quelli che vogliono votare di esprimere la propria opinione (sia che votino si che votino no). Il quorum è un imbroglio che bisognerebbe abolire immediatamente... se non si è interessati ad andare a votare si lascia la decisione a quelli che invece vogliono andarci. Ora vorrei chiedere a tutti i politici che hanno votato NO all'accorpamento del referendum con le amministrative 360 milioni di euro buttati nel cesso solo per cercare di non raggiungere il quorum... queste sono cose che fanno davvero schifo e che mi fanno vergognare dei politici che abbiamo. abolizione del quorum + referendum propositivi (non solo abrogativi) + election day (1 settimana in cui tutte le elezioni dell'intero anno vengono concentrate) = democrazia

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    @benni: tu che non hai votato non ti devi aspettare nulla, perchè non hai preso posizione. Se tu fossi stato coerente con le critiche che muovi avresti votato NO... Trovo assurdo che in Italia non si possa cambiare nulla per cola di gente come te che decide di non partecipare e non prendere posizione. Per fortuna la maggiorparte della gente questa volta ha preso posizione, e quindi tu ora subisci le decisioni degli altri. E non ti puoi neanche lamentare, subisci sta volta.

  • Avatar anonimo di benni
    benni

    Io non ho votato perchè l'astensione è una possibilità prevista in caso di referendum e mi dispiace della campagna violenta contro chi ha fatto questa scelta meditata , quasi fosse un cittadino poco responsabile... Ora mi aspetto che Hera diminuisca le bollette del 7% , e di continuare a pagare l'energia nuleare che compriamo in Francia ed in Slovenia (a 300 km in linea d'aria in centrali ormai obsolete che non possiamo controllare)

  • Avatar anonimo di asso70
    asso70

    a parte il fatto che se ha votato il 54% ce il 46% che non ha votato! e poi sappiamo tutti che le cose non vanno bene in italia e in europa ed ogni occasione e' buona per dare una spallata a berlusconi.

  • Avatar anonimo di reverse
    reverse

    NON C'E' FIDUCIA ALLA BASE DI UN CAMBIAMENTO.MI SIEGATE PERCHE' FESTEGGIATE COSA!!!!!!!!!

  • Avatar anonimo di L'uomo qualunque
    L'uomo qualunque

    Ma il partito del Sig. Pedulli non era attestato, fino a pochi mesi fa (legittimo impedimento a parte), sulle stesse posizioni del governo per i restanti tre quesiti referendari? D'accordo che nella vita la coerenza non è una perfetta virtù, d'accordo che solo gli stolti non cambiano idea, ma nell'esito referendario vedo successi maggiori per la politica dell'IDV e per le varie reti dei movimenti piuttosto che un risultato eclatante per il PD. Bersani non credo abbia molto da festeggiare, anche perchè appena sarà finito il Sig. B saranno terminati e scaduti, politicamente, anche molti dei suoi antagonisti. La gente vuole altre cose oramai e certamente non le ravvisa più in una logora classe politica che comprende, tra gli altri, anche molti di coloro che oggi stolidamente esultano. Cordiali Saluti a tutti

  • Avatar anonimo di giulianopedulli
    giulianopedulli

    Quando una percentuale così alta di italiane e di italiani votano e con una maggioranza assoluta (53,7%) fra tutti gli aventi diritto al voto, bocciano 3 leggi del governo, per chi sta da quella parte, c'è poco da polemizzare, c'è solo da chiedersi: perchè? E nel centrosinistra, deve crescere la fiducia che la base per un cambiamento c'è e vanno create le condizioni perchè il voto delle amministrative e quello del Referendum non siano stati solo due episodi. E concentrare bene l'attenzione su quei comuni dove il voto è stato piuttosto basso.

  • Avatar anonimo di zio Giangi
    zio Giangi

    Per Reverse: se non sai cosa dire in un blog non scrivere. Grazie.

  • Avatar anonimo di reverse
    reverse

    MA COSA FESTEGGERETE, C'E' POCO DA FESTEGGIARE TUTTI CONTENTI MA STATE A CASA VOSTRA!!!!!!!!

  • Avatar anonimo di Stefano S.
    Stefano S.

    Sono molto felice dei risultati che sembrano prospettarsi. Spero che i miei corregionali si ricordino anche della "Ottava sorella" Hera che non ha caso si chiama Multiutility (cioè tradotto in "italiacane" fa molti utili cioè soldi su di noi). Scusate ma dietro lo spirito di patata c'è amarezza. Quanti scandali, quante petizioni finite nel nulla, per non dire nella m ..., almeno per ora qui a Forlì.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -