Referendum, lo spoglio in Romagna: i sì arrivano a toccare il 96%

Referendum, lo spoglio in Romagna: i sì arrivano a toccare il 96%

Referendum, lo spoglio in Romagna: i sì arrivano a toccare il 96%

Schiaccianti vittorie dei sì per tutti i referendum per cui si è votato domenica e oggi lunedì. A scrutinio ormai abbondantemente iniziato la tendenza è netta: le vittorie dei 'sì' si aggirano tra il 94,5% (nucleare) e il 96,1% (profitti sull'acqua). Leggermente più basse le percentuali in Emilia-Romagna (intorno allo 0,6-0,8% in meno di sì. In regione si va dal 94,1% dei sì per l'abolizione della legge che riapre al nucleare al 95,3% per i profitti sull'acqua.

 

L'altro referendum sull'acqua, quello relativo alla privatizzazione, si attesta al 94,9% dei 'sì' all'abrogazione. Il legittimo impedimento in Emilia-Romagna tocca il 94,8% dei voti espressi.

Andando alle province romagnole, con i dati provvisori di più della metà delle sezioni scrutinate: nella provincia di Folrì-Cesena i due referendum dell'acqua segnano il 95% e il 95,4%, il nucleare il 94,2% e il legittimo impedimento il 95%.

 

In provincia di Ravenna andamenti molto simili: i due quesiti sull'acqua totalizzano il 95,2% e il 95,5% dei voti espressi, il quesito contro il nucleare arriva al 94,4% e quello sul legittimo impedimento al 95,4%. Infine la Provincia di Rimini, dove l'affluenza è stata minore, il voto per i sì è stato il più alto in Romagna: si tocca il 96% per il referendum sui profitti dell'acqua, il 95,7% per l'altro referendum, il 95,5% dei sì sul legittimo impedimento ed infine il 94,8% dei sì contro il nucleare.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -