Referendum, Vasco Errani: "Bisogna andare a votare"

Referendum, Vasco Errani: "Bisogna andare a votare"

Referendum, Vasco Errani: "Bisogna andare a votare"

Il 12 e 13 giugno si andrà a votare per i quattro referendum che chiedono il parere su energia, acqua pubblica e giustizia. "Più di due milioni di cittadini hanno firmato per far sì che arrivassimo a questo voto, e perché i referendum siano validi è indispensabile che si rechi alle urne oltre il 50 per cento degli elettori italiani. Sono temi sui quali più volte ho espresso con chiarezza il mio parere pubblicamente, in particolar modo sul ritorno al nucleare" ha detto il presidente della Regione, Vasco Errani.

 

"Ma prescindendo dalle opinioni di ciascuno, oggi è il momento di andare al voto, onorando la partecipazione consapevole dei cittadini a questo strumento di democrazia diretta. Non scordiamoci che per tre decenni, dopo il 1948, la partecipazione attiva dei cittadini al voto politico, amministrativo e ai referendum è stata altissima, e non è un caso che proprio quegli anni abbiano coinciso col massimo sviluppo dell'Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


"Oggi siamo in un momento cruciale della nostra vita democratica - conclude Errani - una fase di forti mutazioni sociali e di crisi economica, un momento in cui a tutti è richiesto un piccolo sforzo in più per far sì che il nostro Paese sia migliore. Quella di domenica e lunedì è un'occasione preziosa per contribuire a questo processo di miglioramento: non buttiamola via".

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di miky
    miky

    FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI TRATTENUTE SINDACALI SULLE PENSIONI ABOLIZIONE DEL MINISTERO DELL'AGRICOLTURA Ecco tre referendum del passato che hanno raggiunto il cuorum, ma il cui esito era contrario agli interessi economici dei partiti. Cosa è successo ? I nostri governenti di turno si sono affrettati ad emanare decreti che ne hanno annullato l'esito. Allora ? Allora non andare a votare è un modo di esprimere la propria sfiducia . Chi non va avotare fa comunque una scelta. Esprime una posizione. Ma avete letto i testi dei quesiti? La verità vera è che non interessa a nessuno se vinceranno i si o i no, la battaglia è unicamente quella di portare il 50%+1 degli elettori. Per il resto si metteranno poi daccordo con le correnti ECONOMICHE che sono i veri ed unici ispiratori delle ideologie dei nostri politici.

  • Avatar anonimo di franchina
    franchina

    giustissimo giamp!! possiamo votare sì o no, ma bisogna andare a votare. dobbiamo mantenere viva la forza dei referendum e non svilirla preferendo il mare e la spiaggia. abbiamo da poco festeggiato l'unità d'italia, ricordiamoci che siamo repubblica per scelta del popolo italiano tramite un referendum. usiamo la testa, ANDIAMO AD ESPRIMERE LA NOSTRA PREFERENZA VOTANDO.

  • Avatar anonimo di giamp
    giamp

    E' veramente malafede, da parte di personaggi ,tra politici,giornalisti e opinionisti vari, invitare ad non andare a votare per i referendum sostenendo che non andare a votare è un diritto. NON ANDARE A VOTARE NON E' UN DIRITTO MA IL MANCATO ESERCIZIO DI UN DIRITTO. Non fatevi abbindolare da questi IMBROGLIONI PROFESSIONALI e, qualsiasi sia la vostra opinione esercitate il VOSTRO VERO DIRITTO. Indipendentemente da come la pensiate, avrete la coscienza pulita di chi ha fatto la COSA GIUSTA. Gli altri ,la coscienza l'hanno persa per strada.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -