REGGIO EMILIA - Aeroporto, ''Parma vola, Reggio non rimane ferma''

REGGIO EMILIA - Aeroporto, ''Parma vola, Reggio non rimane ferma''

REGGIO EMILIA - L’aeroporto di Reggio Emilia è una infrastruttura nata e pensata negli anni Ottanta, figlia di una stagione politica che ha prodotto il moltiplicarsi di strutture simili – dalle Fiere agli scali aerei – in ogni città dell’Emilia Romagna.

Da allora ad oggi, tanto è cambiato, come dimostra il ragionamento complessivo che la Regione sta compiendo proprio a proposito di tutte le Fiere, ma anche dei diversi aeroporti: su come sostenere il ruolo del “Marconi” di Bologna, su quale possibile sinergia, ma anche razionalizzazione, attivare con gli scali di Parma, Rimini e Forlì che pure ospitano voli di linea nazionali e internazionali.


Perché tra le tante cose che sono successe dagli anni Ottanta a oggi, c’è certamente anche il fatto che la vicina Parma – col tempo – abbia saputo realizzare una struttura indubbiamente più operativa di quella di Reggio. Ma questo non necessariamente significa che per Parma si tratti di un successo e che per Reggio rappresenti una sconfitta, tanto più per la classe politica.

Non è un successo per Parma proprio per le possibili conseguenze che l’indispensabile razionalizzazione al vaglio della Regione potrebbe avere, ma anche per i diversi milioni di perdite che ogni anno il “Verdi” registra. E qui sta il punto. A Parma si vola e a Reggio no – ammesso che ciò sia un successo per la città ducale – anche se non soprattutto perché i privati, da Barilla a Tanzi, nell’aeroporto hanno creduto e sull’aeroporto hanno investito ingenti somme.


A Reggio il sistema pubblico-privato si è posto altri obiettivi. Il pubblico da parte sua avendo sostenuto con notevoli mezzi la Società la sua parte l’ha fatta e dopo 15 anni di lavori l’infrastruttura è pronta. In tutto questo tempo nessun privato si è fatto avanti né per entrare in società né per offrire servizi credibili e permanenti. A questa assenza riteniamo sia da addebitare principalmente il mancato decollo del nostro aeroporto. Non si tratta nemmeno di colpevolizzare i privati, quanto di prendere atto che - considerati i tempi di percorrenza verso Bologna e Milano (minori che dal centro di Londra agli aeroporti londinesi) e le difficoltà che perfino grandi città italiane hanno incontrato nel mantenere operativi i propri scali - a Reggio questa infrastruttura non ha al momento prospettive di rilancio.


Crediamo, inoltre, che i soldi dei cittadini vadano utilizzati bene e che anche i conti pubblici debbano tornare. E, soprattutto, che le spese vadano sostenute per operazioni davvero in grado di rispondere alle esigenze dei cittadini. Il volare direttamente a Parigi da Reggio – e non dalla comunque vicina Bologna, o eventualmente, proprio da Parma – non è evidentemente una priorità per la maggioranza dei reggiani, mondo economico in testa.


Dunque, già da tempo, l’aeroporto non rappresenta uno degli obiettivi strategici del nostro territorio, che ha invece puntato e investito con decisione su un’altra mobilità, quella su ferro, nella convinzione che il treno – dall’Alta velocità alle metropolitane di superficie (quella locale utilizzando le linee Act, quella regionale sfruttando la linea storica Fs una volta partita il Tav) – rappresenti una risposta più efficace alle esigenze di spostamento veloce dei reggiani. Anche perché, oggi, a livello mondiale i treni ad alta velocità sono decisamente competitivi con gli aerei.

Ciò non significa, ovviamente, voler cancellare la storia che l'aeroporto porta con sé o ritenere sprecati i soldi pubblici nel tempo investiti sulla struttura. Anzi, vogliamo ringraziare tutti coloro che per anni hanno lavorato seriamente cercando di utilizzare al meglio i fondi ricevuti e valorizzando per quanto possibile l'attività del nostro aeroporto; ma crediamo che ora si debba prendere atto che la vocazione vera del nostro scalo è rivolta ad una aviazione amatoriale, oggi espressa dall’Aeroclub, e alla manutenzione a terra di elicotteri e veivoli. In questo quadro si inserisce la decisione degli Enti Pubblici di uscire dalla Società di gestione ma anche l’impegno a riorientare le politiche e gli impegni verso funzioni in cui Reggio possa davvero eccellere.


Luciano Gobbi

Assessore provinciale alla Mobilità sostenibile


Uberto M. Spadoni

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assessore comunale alle Attività Produttive e Turismo


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -