Reggio Emilia: Boretto capitale della motonautica internazionale

Reggio Emilia: Boretto capitale della motonautica internazionale

REGGIO EMILIA - Il 9 e 10 maggio 2009 lo splendido bacino borettese, di fronte al più importante porto fluviale dell'asta del Po, ospiterà il 49esimo Gran Premio Internazionale di Motonautica. La kermesse - organizzata dalla motonautica Boretto Po in collaborazione con Infrastrutture Fluviali srl, Comune di Boretto, Provincia di Reggio e Federazione italiana motonautica - vedrà al via 60 piloti provenienti da otto nazioni europee, suddivisi in tre categorie. Dieci i reggiani in gara: Alex Zilioli, Giacomo Negri, Lauro Caforio e Manuel Zimbelli per la classe F125, Marco Bobbioni, Luca Galaverna ed Ivan Copelli nella F350, Mauro Bacchi e Tiziano Trombetta per la classe O500.

 

Ancora una volta - e nonostante le difficoltà legate alla crisi economica - Boretto sarà dunque scenario di un importante evento motonautico, a conferma di una tradizione che affonda le proprie radici agli inizi degli anni Sessanta, quando grazie a un gruppo di appassionati nacquero anche tutte quelle strutture turistiche, a partire dal Lido Po, che oggi caratterizzano il centro rivierasco.Tra il 9 e il 10 maggio migliaia di appassionati confluiranno sulle rive del Grande fiume per assistere ad una competizione altamente spettacolare e unica nel suo genere che quest'anno, all'insegna di un costante incremento della qualità degli eventi proposti, per la prima volta proporrà il "Water Festival", principale gara di circuito a livello internazionale.

 

La manifestazione è stata presentata questa mattina in Provincia dall'assessore allo Sport Gianluca Chierici, dal presidente dell'Associazione motonautica Boretto Po Paolo Corradini e dall'assessore Sport del Comune di Boretto Massimo Gazza. "Sarà una due giorni all'insegna dello sport non solo per Boretto, dove il GP Internazionale rappresenta uno degli eventi più riusciti e partecipati, ma per tutti i reggiani e per le province rivierasche", ha detto Corradini dicendosi fiducioso sulla possibilità dei piloti reggiani: "Due, tre di loro possono puntare sicuramente al podio".

 

"La motonautica, per noi borettesi, non è solo uno sport, ma un elemento di aggregazione nonché una delle principali caratteristiche identitarie del nostro paese, sedimentata negli anni da successi organizzativi e sportivi frutto anche del lavoro degli appassionati e degli amministratori che ci hanno preceduto", ha spiegato l'assessore comunale Massimo Gazza, mentre l'assessore provinciale Gianluca Chierici ha sottolineato l'importanza di questo "evento internazionale per promuovere e valorizzare una delle zone più belle e suggestive del nostro territorio, quella legata al Grande fiume, a favore della quale la Provincia sta investendo in maniera significativa in questi anni".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Motonautica Boretto Po e il Comune di Boretto ringraziano tutti i volontari, gli sponsor e i team che attraverso il loro prezioso contributo hanno permesso la realizzazione di questo importante evento. "L'obiettivo dei prossimi anni sarà quello di fare della motonautica uno sport sempre meno borettese e sempre più reggiano", hanno concluso Corradini e Gazza.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -