REGGIO EMILIA - Funerali Maria Cervi, il ricordo della presidente Masini

REGGIO EMILIA - Funerali Maria Cervi, il ricordo della presidente Masini

REGGIO EMILIA - Ancora, con Maria Cervi, Reggio Emilia è stata un esempio per l’Italia. Quell’Italia onesta e laboriosa, che conosce il sacrificio e l’impegno civile, che non molla mai, che ha fiducia nel futuro e nelle giovani generazioni.

Ella ha raccolto davvero il testimone del padre e degli zii, di nonno Alcide e nonna Genoeffa.


La forza ed il coraggio, la semplicità di una famiglia così significativa per tutti noi aveva trovato in questa donna straordinaria una custode preziosa, che non s’è mai persa d’animo, anche quando s’è temuto che il tempo potesse far morire il ricordo.

Ha condiviso l’esperienza della propria ferita, l’ha messa a disposizione di tutti noi, dei nostri figli, perché nulla fosse disperso e perchè i valori per cui il padre, gli zii, e molti altri, hanno perso la vita, ricevessero la giustizia più vera: non quella di essere vendicati, ma di vedersi affermati, applicati, di essere parte di un patrimonio di cui siamo particolarmente fieri.


Con Maria abbiamo imparato meglio che cosa significhi trasmettere la memoria insieme alle sensazioni e alle emozioni e a quel patrimonio culturale e civico che non deve mai andare disperso in una comunità civile.

Walter Veltroni è qui a testimoniare, oltre ad una sensibilità personale, il valore politico ed istituzionale di una figura il cui messaggio è andato ben oltre Reggio. Non dimenticherò mai quel giorno, a Torino, quando Walter chiamò Maria sul palco di un congresso che aveva l’ I Care come proprio tema dominante.


Don Milani, Maria Cervi, la solidarietà, il farsi carico, l’esserci e passare lasciando il proprio segno forte ed indelebile, sempre in mezzo alla gente, ai più umili.

Fu per molte di noi un orgoglio vedere una donna emiliana, riferimento per tutte, instancabile organizzatrice e promotrice di iniziative, proposta ad emblema ed esempio, con la sua famiglia. Anche qui, nella sua terra fu sempre protagonista nella lotta delle donne, per un’emancipazione mai conquistata definitivamente e per l’affermazione di diritti che non sarebbero stati riconosciuti se non ci fossero state donne forti come lei.


Ti dobbiamo molto Maria: sei una parte di noi, la più nobile, la più bella.

Per questo non ci lasci, non te ne vai, perché ti porteremo sempre dentro.

Ciao Maria, voglio dirtelo ancora, come ogni volta nella quale ci salutavamo dopo un incontro fatto per cercare di dare vita, con entusiasmo, a nuovi progetti.

Nel salutarci, te ne andavi con un sorriso, fiera della tua opera e delle tue idee.

Conservalo quel sorriso, perché ci sosterrà ancora.


Sonia Masini

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Presidente della Provincia di Reggio Emilia

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -