Reggio Emilia: "Giorno del Ricordo", il programma delle iniziative

Reggio Emilia: "Giorno del Ricordo", il programma delle iniziative

REGGIO EMILIA - In occasione delle celebrazioni nazionali per il ‘Giorno del Ricordo', evento istituzionale per commemorare le vittime delle Foibe, che si celebra il 10 febbraio, sono state organizzate, proseguendo la tradizione degli scorsi anni, due importanti iniziative promosse dall'assessorato alla Cultura del Comune di Reggio Emilia, in collaborazione con Istoreco.

 

L'assessore Catellani dichiara: "Devo ringraziare il consigliere capogruppo di Alleanza Nazionale, Marco Eboli per aver collaborato, in questi anni, all'organizzazione dell'evento, individuando gli apparati iconografici da mettere in mostra". Reggio Emilia, Città del Tricolore, mostra il suo alto senso di civiltà promuovendo iniziative volte a ricordare le vittime italiane del comunismo jugoslavo uccise nelle foibe, ponendo in sinergia tutte le forze politiche della città.

 

Oggi, venerdì 6 febbraio, alle ore 18, nelle sale espositive del Polo Archivistico all'interno dei Chiostri di San Domenico (Via Dante Alighieri 11) inaugura la mostra documentaria Foibe ed Esodo. Il ricordo di una tragedia delle Genti del confine orientale e degli italiani tutti, in collaborazione con il Comune di Trieste - area Cultura e con la Lega Nazionale Trieste. La mostra documenta le diverse fasi delle tragiche vicende del popolo istriano, fiumano e dalmata. Il percorso espositivo tocca i diversi aspetti della vicenda. Le due grandi aree tematiche sono una dedicata alle Foibe ed una all'Esodo. Foiba deriva dal latino "fovea", cioè fossa. Le foibe sono voragini rocciose, a forma di imbuto rovesciato, create dall'erosione di corsi d'acqua che possono raggiungere i duecento metri di profondità.

 

La mostra resta aperta dal 7 al 22 febbraio ed osserva il seguente orario: da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; chiuso il lunedì.

 

 

Mercoledì 11 febbraio, alle ore 17.30, presso la Mediateca dell'Università di Modena e Reggio Emilia (viale allegri 9) viene presentato il volume "Naufraghi della Pace. Il 1945, i profughi e le memorie divise d'Europa - Donzelli Editore" a cura di G. Crainz, R. Pupo, S. Salvatici. Questo studio illumina alcuni squarci delle pagine più rimosse della storia europea: le principali vicende di espulsione, fuga o esodo, in cui drammi personali e collettivi si intrecciano, evocando le ferite di memoria che quei traumi hanno lasciato. Ne discutono Mila Orlic dell'INSMLI - Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia; Marta Verginella docente di Storia del XIX secolo e teoria della storia presso l'Università di Lubiana e Marzia Maccaferri dell'Archivio Piacentini di Reggio Emilia.

 

 

Gli eventi vogliono offrire al grande pubblico un'opportunità importante per affrontare il delicato tema del Ricordo. L'obiettivo è la prosecuzione del racconto dell'infoibamento e dell'esodo forzato degli italiani. Una riflessione sul dramma che ha coinvolto la popolazione del confine orientale italiano dopo la seconda guerra mondiale, nel solco di un impegno civile che dal 2004, anno in cui fu approvata dal Parlamento la legge 92/2004 sulla commemorazione del "Giorno del Ricordo", ha avviato un processo di recupero della memoria collettiva. Perché, come spiega il noto scrittore Claudio Magris, "ricordare le vittime è un modo forte di render loro giustizia contro la violenza dell'oblio che, come una violenza ulteriore oltre a quella da loro subita, tende a cancellarle dal mondo, a colpirle due volte".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutte le iniziative sono ad ingresso libero.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -