Reggio Emilia: rifiuti, 2 milioni per ridurre tariffe e produzione

Reggio Emilia: rifiuti, 2 milioni per ridurre tariffe e produzione

REGGIO EMILIA - Destinare 2 milioni di euro, già nel corso del 2009, per ridurre le tariffe - aiutando in questo modo le famiglie in questo periodo di crisi - nonché la produzione dei rifiuti, incrementandone il riuso ed il riciclo anche attraverso un potenziamento della raccolta differenziata. Procedere, inoltre, con l'attuazione del Ppgr (Piano provinciale gestione rifiuti) approvato il 21 aprile 2004, dopo "gli approfondimenti tecnici ed amministrativi, i confronti politici e la comparazione di diverse soluzioni succedutisi in questi cinque anni", sulla base anche delle "proposte avanzate da Enìa, studiate e redatte in totale autonomia tecnica" e della "relazione finale redatta dal Tavolo tecnico su tali studi e comparazioni ampiamente considerata nella discussione al Tavolo istituzionale" ed oggetto di confronto anche con i soggetti portatori di interesse.

 

Questi i principali contenuti della delibera approvata ieri sera all'unanimità dalla Giunta provinciale. In particolare, per quanto riguarda il Ppgr, la Giunta ha deciso "di operare in sinergia con gli enti locali interessati affinché Enìa Spa dia corso immediatamente alla realizzazione di un impianto di trattamento meccanico biologico (TMB); di dare seguito ai contenuti del Ppgr e del Protocollo di intesa per la delocalizzazione dell'impianto di Cavazzoli incaricando l'azienda Enìa Spa di proseguire nello studio e nella redazione del bilancio ambientale che includa l'individuazione del sito per la realizzazione dell'impianto di incenerimento". "Tale impianto - si legge ancora nella delibera di Giunta - sarà dedicato allo smaltimento dei rifiuti residui a scala provinciale rimanenti dal ciclo del trattamento, compreso il TMB, in modo tale che siano tutelati la salute, l'impatto ambientale e l'economicità. In tale contesto, di progressiva attuazione, si potranno valutare ulteriori opportunità e sinergie in ambito regionale, dalle quali emerga eventualmente anche la possibilità di dimensionamento e la definitiva localizzazione dell'impianto di recupero energetico".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda il dimensionamento del futuro impianto, "la valutazione rispetto alla dimensione massima di 166.000 tonnellate/anno contenuta nell'ipotesi TMB-RE, per garantire l'autosufficienza provinciale, sarà definita puntualmente dagli ulteriori aggiornamenti tecnico-economici che a quella data saranno stati effettuati".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -