Reggio Emilia: terremoto in Abruzzo, dalla Provincia 50mila euro

Reggio Emilia: terremoto in Abruzzo, dalla Provincia 50mila euro

REGGIO EMILIA - La Giunta della Provincia di Reggio Emilia, nel corso della riunione di oggi pomeriggio, ha deciso - su proposta della presidente Sonia Masini - di stanziare 50.000 euro a favore delle popolazioni abruzzesi colpite dal tragico terremoto di domenica notte. "Si tratta di un primo, concreto aiuto che mettiamo a disposizione in attesa che, d'intesa con le altre Istituzioni a partire dalla Regione, si decida una modalità comune di raccolta fondi - ha detto la presidente Masini - Questo anche per poter verificare con maggiore sicurezza, così come è stato fatto in passato per analoghe sciagure, il buon esito degli aiuti che anche in questa occasione, sono certa, saranno garantiti dalla generosità dei reggiani".

 

Intanto i 40 volontari reggiani partiti ieri per l'Abruzzo sono stati dislocati a Villa Sant'Angelo, piccolo paese di 450 abitanti a una quindicina di chilometri dall'Aquila. "Si tratta di una squadra della Protezione civile e di volontari di Anpas, Ana, Vab, Agesci e carabinieri in congedo che, già dalla notte, hanno iniziato l'allestimento nella periferia del paese di un'area di primo ricovero, ovvero una tendopoli corredata di bagni, docce e cucina - spiega l'assessore provinciale alla Protezione civile, Luciano Gobbi - Nel pomeriggio era prevista una riunione di coordinamento con gli enti locali ed i responsabili della Regione Emilia-Romagna, che coordina gli interventi, mentre nelle prossime ore si procederà al censimento degli sfollati. Nel paese intanto - uno dei più colpiti, con 19 morti - vigili del fuoco, carabinieri, guardie forestali e sanitari continuano le operazioni di ricerca di eventuali superstiti".

 

Alle 14 di oggi è partita un'altra colonna mobile regionale dotata di ulteriori 100 tende e composta anche da volontari delle Pubbliche assistenze reggiane, mentre solo dal Centro unificato provinciale di via del Chionso altri 65 volontari di Protezione civile sono pronti a partire in caso di richiesta. Offerte di aiuto - anche finanziario - sono nel frattempo giunte all'assessore provinciale alla Solidarietà, Marcello Stecco, da alcune comunità organizzate di immigrati, a partire da quella musulmana di via Flavio Gioia e dalla comunità sikh di Novellara.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tutti coloro che sono intenzionati a soccorrere le popolazioni terremotate, si rinnova l'invito a non mettersi in viaggio verso l'Abruzzo, ma a contattare preventivamente il numero unico 0522.555733 del Centro unificato provinciale di Protezione civile.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -