Reggio Emilia: terremoto in Val d'Enza, nessun danno a persone

Reggio Emilia: terremoto in Val d'Enza, nessun danno a persone

REGGIO EMILIA - Nessun danno alle persone, danni - per il momento di non particolare gravità - a diversi edifici, in particolare nella Val d'Enza (lesionato il campanile della chiesa di Quattro Castella, caduti alcuni comignoli e cornicioni a San Polo, Vetto e Canossa).

 

Questi gli esiti delle prime ricognizioni effettuate dall'Ufficio tecnico della Provincia e delle prime segnalazioni ricevute dalla sala operativa nazionale di Protezione civile a Roma e dalla centrale operativa della Regione Emilia Romagna, mentre la stessa presidente Sonia Masini è in contatto con  il direttore del Dipartimento della Protezione civile, Guido Bertolaso, che dovrebbe raggiungere le zone colpite dal sisma.

 

"La scossa, con epicentro tra Vetto, Canossa e Neviano degli Arduini, ha avuto una intensità di 5,2 gradi della scala Richter a una profondità di circa 26 chilometri, ed è stata avvertita in gran parte del Nord Italia - spiega l'assessore provinciale alle Protezione civile, Luciano Gobbi - Ci siamo subito messi in contatto con i Comuni di Canossa, Vetto, San Polo, Bibbiano e Montecchio, nonché con la Polizia municipale della Val d'Enza, per avere una prima stima di danni a persone e cose. Al momento sembrano escludersi conseguenze di particolare gravità, anche se una valutazione più precisa si potrà avere solo nelle prossime ore. Sono già state programmate, in particolare, verifiche a edifici di culto e di interesse storico, nonché sulle scuole, che in ogni caso da domani sono chiuse per le festività natalizie".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Continueranno ovviamente i contatti con i Dipartimenti nazionale e regionale di Protezione civile nonché con la Prefettura di Reggio, ma per il momento non si è reso necessario attivare una unità di crisi", conclude l'assessore Gobbi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -