Reggio Emilia: 'Contatto!', tutto pronto per la festa conclusiva

Reggio Emilia: 'Contatto!', tutto pronto per la festa conclusiva

REGGIO EMILIA - Domenica 15 giugno grande giornata conclusiva del festival 1,6,7...Contatto!. Le strade saranno riempite da banchetti e stand di associazioni, fiera del disco, e un ricchissimo programma di iniziative. Per l'intera giornata l'area prossima alla stazione sarà chiusa al traffico e alla sosta. In particolare, saranno interessate dalla chiusura via Turri, un lato di via IV Novembre e una parte del parcheggio di piazzale Europa. Le vie limitrofe saranno accessibili ai soli residenti. La stazione sarà comunque raggiungibile, con ingresso da via Eritrea e uscita in via IV Novembre.

 

Si consiglia di parcheggiare l'auto nella parte libera di piazzale Europa, nel parcheggio della ex-Polveriera, oppure nel parcheggio della Coop Reggio Est, in via Sani.

 

Sarà un grande happening, con negozi aperti, buskers, musica e tante iniziative. Costruita in mesi di preparazione, tra laboratori, incontri nelle tre Circoscrizioni coinvolte (prima, sesta e settima), rappresenta un momento di contatto che coinvolge abitanti, istituzioni, centri culturali e sociali di Reggio Emilia. Punto di arrivo e di partenza al tempo stesso, momento di partecipazione e restituzione di un percorso iniziato da tempo, all'insegna del dialogo interculturale.

 

Il programma prevede, per tutta la giornata, banchetti e fiera del disco in via IV novembre e in via Turri.

 

Dalle ore 10, presso il Centro culturale islamico di via Flavio Gioia 7/9, incontri e proiezioni per un confronto aperto sul mondo islamico.

Sarà inoltre possibile visitare la mostra ‘Luoghi comuni', a cura de La gabella, allestita negli spazi interni della stazione ferroviaria (fino al 15 luglio).

  

Alle 17, al Centro d'incontro Reggio est, in via Turri 49, si formerà il Gran Corteo del Contatto!. I 250 partecipanti ai laboratori, gli operatori, gli amici, i cittadini, attraverseranno festosamente l''area del contatto', tra via Turri, viale IV Novembre, Piazzale Marconi, il sottopasso ‘Sottosopra', piazzale Europa.

 

Alle 17.30, il corteo si scioglierà e invaderà l'intera l'area della festa, aprendo "le danze": le narrazioni di ReggioNarra in viale IV Novembre, due palchi con spettacoli teatrali, La Nuova Banda di quartiere, Breakdance, danze e tamburi africani, percussioni animeranno piazzale Europa. Nel sottopasso, installazioni e sonorizzazioni a cura dell'Atelier Raggio di luce e cooperativa Re.Search, con performance musicali e danze, e interventi yiddish e teatrali a cura dell'associazione culturale Hirmos.

Su via Turri circolerà un autobus, lo "Storibus", per narrare storie per ragazzi e non, e su tutta la via ci saranno buskers e musicisti di strada.

Inoltre, Marco Montanari fotograferà per tutto il pomeriggio i cittadini, nell'ambito del progetto LIVEcollage, curato dal Teatro dei/nei quartieri.

 

In piazzale Marconi, diretta radio a cura di K-Rock e Mondinsieme, in cui si racconteranno tutti i protagonisti del ‘contatto' e si esibiranno diversi musicisti, fra cui Maria Teresa Lonetti, Gasparazzo, Chambre De Margarete, Guo Cong.

 

Nella nuova sede della biblioteca di Ospizio, in via Emilia Ospizio 30/B,  La casa delle storie, letture a cura dei lettori volontari NatiperLeggere.

 

Al Centro d'incontro Reggio est, in via Turri 49, Donna e migrante, quanta forza, letture e testimonianze sullo scambio di esperienze tra native e migranti.

Nel frattempo, all'interno del Centro d'incontro, verranno mostrate immagini di backstage che illustrano la preparazione del contatto.

All'esterno sarà invece possibile partecipare alla ‘pitturazione' del Tendales, ‘telo senza fine' a cura dell'associazione Estendales, che sarà steso lungo tutta l'area della festa, sottolineando l'idea del contatto tra i luoghi.

 

Nel sottopasso di viale Ramazzini, sonorizzazioni a cura del Circolo Arci Maffia.

 

Inoltre, al centro internazionale Loris Malaguzzi  (via Bligny 1) sarà possibile visitare la mostra fotografica Lo sguardo misterioso dei bambini sulla città, oppure, su prenotazione, partecipare a una visita guidata all'Atelier Raggio di luce.

 

Alla sera, dalle ore 21, due grandi concerti in piazzale Europa:

"Leggende, strumenti e voci dei popoli" a cura della polistrumentista Claudia Bombardella: Voce, sax bar, fisarmonica, clarinetto alto, violino, violoncello, balafon, steel drum, sansa, birimbao, cajon, darbuka, tamburello, campana tibetana, tubo, pentolino.

Musicista eclettica, cantante, polistrumentista, l'artista da anni è impegnata in un intenso lavoro di ricerca nelle musiche delle tradizioni dei popoli nomadi di tutto il mondo.

Claudia Bombardella propone un lavoro di esplorazione in differenti ambiti musicali e culturali, condotto attraverso l'utilizzo di strumenti appartenenti alle più diverse tradizioni e attraverso un uso della voce che si adatta e dialoga con la sensibilità culturale e umana propria dei popoli che tali tradizioni incarnano.

Il concerto è un viaggio nel mondo dei popoli nomadi (ebrei, zingari, armeni, esquimesi, mongoli), delle terre che nei loro viaggi attraversano, di antiche tradizioni tribali di popoli di cui a malapena si conosce l'esistenza, del loro modo di vivere e fare musica, del loro modo di appropriarsi e miscelare suoni, leggende, ritmi e linguaggi.

 

A seguire, concerto degli Yampapaya Tribe Orchestra, world music, soukous, reggae, rock & funk. In tailandese ‘Yampapaya' significa "insalata mista piccante". Formazione orchestrale multietnica di dieci elementi, nata dalla collaborazione di artisti provenienti da Italia, Cuba, Usa, Congo, Senegal e Angola, con l'intento di dimostrare come la musica possa essere senza limiti né frontiere: Il gruppo ha sviluppato uno stile particolare, ispirandosi a reggae e funk, spaziando dal rock al soukous africano ed alla rumba congolese, con testi originali in inglese, italiano, portoghese e cori in diverse lingue africane tra cui lingala e swahili.

Il gruppo è al terzo cd e viene definito il miglior crogiuolo di ricerca musicale che associa una miscela energetica a una perfetta combinazione di armonie e ritmi di diversi paesi. Chitarre africane e percussioni miscelate con grooves rock/funky, melodie afro/jazz condite con balli sensuali dell'Africa centrale e dell'America latina. Ciò che emerge è un'energia incontenibile, capace di coinvolgere il pubblico nell'ascolto e nella danza.

 

Sempre alle 21, in viale IV Novembre, due spettacoli teatrali a cura dell'associazione Quinta Parete: Un po' alla volta e CONtatto.

 

Al parco del Lucchetto, I racconti della buonanotte a cura del TeatrO dell'Orsa, con attori e allievi del laboratorio permanente.

 

Su via Turri proseguiranno le esibizioni di musicisti e artisti di strada, e su piazzale Marconi la diretta radio si concluderà con un concerto dei Gasparazzo.

Saranno inoltre messe in mostra le immagini scattate da Fabrizio Cicconi, Fabio Boni e Marco Montanari per il progetto del Teatro dei Quartieri LIVEcollage.

"LIVEcollage - dicono i promotori - è una parola nuova, coniata a Reggio Emilia, che unisce un termine inglese e uno francese. È la possibilità di cambiare radicalmente volto senza rinunciare al proprio aspetto. È una sintesi possibile e forse necessaria, come l'intercultura che ancora non esiste. Tutti quelli che sono qui, adesso, in questa città, lavorano inevitabilmente a una identità collettiva in divenire. La cultura, infatti, si muove continuamente come la terra, anche se non ce ne accorgiamo. Chi pensa di fermarsi è un extraterrestre."

 

 

 

Limitazioni del traffico - divieto di sosta e transito

  

Dalle 8 alle 23 divieto di accesso ai veicoli in:

- Via Turri

- Viale IV novembre (da incrocio piazza del Tricolore a piazza Marconi, per un solo senso di marcia)

- Piazzale Marconi

- Piazzale Europa (metà parcheggio)

 

Sarà consentito ai soli residenti il transito in via Chiesi, via Gobetti e via Vecchi.

 

La stazione ferroviaria sarà raggiungibile con ingresso da via Eritrea e uscita in via IV Novembre.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -