Regionali, Confedilizia: "Fallimentare la politica di Errani, chiudere l'Acer"

Regionali, Confedilizia: "Fallimentare la politica di Errani, chiudere l'Acer"

Regionali, Confedilizia: "Fallimentare la politica di Errani, chiudere l'Acer"

BOLOGNA - "Per esporre i problemi della casa avevamo invitato i quattro candidati. Errani non ci ha nemmeno risposto. In un momento di crisi, invece, fare ripartire il settore dell'edilizia sarebbe importante". La lamentela viene da Elisabetta Brunelli Monzani, presidente di Confedilizia Emilia-Romagna, in un incontro voluto per parlare dei problemi del settore immobiliare, e delle possibili soluzioni, non manca di sottolineare l'assenza di Vasco Errani, presidente uscente e candidato alla presidenza della Regione. E le critiche alla sua gestione non tardano ad arrivare.

 

Brunelli, in una dichiarazione resa all'agenzia Dire, giudica infatti "fallimentare" la gestione  dell'edilizia residenziale pubblica, e trova argomenti nel "troppo basso livello dei canoni, nelle forti masse di morosita', nell'elevata intensita' di occupazioni senza titolo". Confedilizia chiede che di questa situazione si prenda atto: "La pubblica amministrazione non e' in grado di gestire patrimoni  edilizi di una certa consistenza: bisogna chiudere definitivamente l'esperienza Acer".

 

La proposta e' che "si apra alle associazioni private sul territorio un bando trasparente e competitivo per la gestione delle risorse immobiliari pubbliche". Assente anche Anna Maria Bernini, in corsa per Pdl-Lega: a farne le veci Ubaldo Salomoni, capolista Pdl, che porta numeri a supporto delle tesi di Confedilizia: "La morosita' dei canoni nel 2008 ha raggiunto quota 4.834.046 euro. Vuole dire, rispetto al 2003, un aumento percentuale del 112%". Secondo Salomoni, poi, il costo del personale in rapporto agli introiti da canone ha una incidenza troppo elevata: "Rispetto al 2003 incide per un +29%". Fare intervenire le associazioni nella gestione delle risorse immobiliari, sostiene Confedilizia, porterebbe invece "efficienza, e meno costi per la collettivita'".

 

Per Confedilizia, occorre dunque "avviare un processo di privatizzazioni che separi l'assistenza dovuta a quanti hanno problemi economici e la gestione del patrimonio". Vale a dire, "invece della casa, diamo un bonus casa". Il capitale ottenuto dalla vendita degli immobili, e' la proposta di Brunelli, deve essere attribuito a enti privati di beneficenza che provvedano ad attribuire assegni con i quali trovare un'abitazione in affitto sul mercato libero".

 

Gian Luca Galletti, in corsa per la presidenza della Regione con l'Udc (unico candidato presente) esprime il suo assenso; il Pdl con Salomoni propone di intervenire sull'Acer, certo, ma con una sua ricetta: "Trasformare la retta dell'affitto in rata di restituzione del mutuo (in attuazione del Piano Casa del ministro Renato Brunetta); eliminare le Acer superflue, mentre le rimanenti dovrebbero eliminare, a loro volta, le societa' di gestione create ad hoc, liberalizzando cosi' quel tipo di mercato

a tutta l'imprenditoria locale, creando una reale competitivita' e ottimizzando i costi di gestione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -