Regionali, le Acli stanno con Errani: "Ha governato molto bene"

Regionali, le Acli stanno con Errani: "Ha governato molto bene"

Regionali, le Acli stanno con Errani: "Ha governato molto bene"

BOLOGNA - Vere e proprie indicazioni di voto non ce ne sono. C'e' l'invito, generico, a "votare cattolico", ma tenendo ben presente che Vasco Errani "ha fatto molto bene" nei suoi 10 anni di mandato alla guida della Regione. Si orientano cosi' le Acli dell'Emilia-Romagna, che oggi si sono riunite a Bologna per la loro conferenza programmatica e organizzativa. "Noi guardiamo con attenzione ai candidati che hanno firmato il documento del nostro forum delle famiglie", spiega il presidente regionale delle Acli, Walter Raspa- e invitiamo a votare cattolico".

 

 

Cio' non toglie che "su Errani diamo un giudizio positivo, perche' ha saputo intuire bene i problemi anticipando la crisi". Anche per questo, critica Raspa, "non condividiamo questo modo di fare politica del Pdl", che con il deputato e coordinatore provinciale Enzo Raisi ha portato in Procura un dossier contro il numero uno di viale Aldo Moro. Allo stesso modo, aggiunge Raspa, "le polemiche sul terzo mandato di Errani riguardano solo i partiti. Noi guardiamo a quanto e' stato fatto e per noi Errani ha fatto molto bene". Stessa linea anche per il presidente provinciale delle Acli di Bologna, Francesco Murru.

 

"Il nostro e' un giudizio estremamente positivo su Errani", spiega il numero uno dei lavoratori

cattolici sotto le Due Torri, che valuta in particolare con ben fatti i provvedimenti anti-crisi e sugli ammortizzatori sociali in deroga. "Ora pero' serve uno scatto- avverte Murru- vanno riprogrammati perche' serviranno anche per tutto il 2010 e il 2011". Da qui l'invito ai candidati alla presidenza della Regione perche' "ci dicano prima delle elezioni quali misure intendono assumere per affrontare la crisi".

 

Del resto, sostiene Murru, i fondi regionali, soprattutto per la formazione e la riconversione dei lavoratori, "vanno spesi in modo intelligente". Anche Raspa condivide la preoccupazione sugli ammortizzatori sociali ma, aggiunge, "per fortuna in Emilia-Romagna si e' riusciti ad accudire la crisi anche grazie a chi ha governato in questi anni". Le altre richieste delle Acli riguardano

soprattutto "il sostegno alle famiglie- spiega il presidente regionale- con l'introduzione di un quoziente regionale per i nuclei numerosi e piu' poveri. Su questo saremo delle sentinelle", avverte Raspa.

Commenti (8)

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Caro D_a_v_i_d_e, hai uno strano concetto di "COMPORTAMENTO CRISTIANO"....... Le posizioni della Lega (in generale) seppur rispettabilissime, non vedo come possono essere definite più cristiane rispetto a quelle delle ACLI e dell'azione cattolica, tanto per fare un esempio....

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    I cattolici, dopo la fine della DC, si sono riconosciuti nel centrodestra e in Berlusconi, punto. Nonostante queste associazioni cattocomuiniste e la maggioranza dei preti. I comportamenti dei rappresentanti politici (di tutte le parti) sono marginali in rapporto alla sostanza delle azioni: per questo è molto più cristiano un qualsiasi esponente della Lega rispetto al prototipo di cristiano di centrosinistra tipo Bindi-Prodi. Detto ciò, la Chiesa dovrebbe essere equidistante e non pronunciarsi a favore di questo o quello, lasciando decidere alla coscenza del singolo elettore.

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    I comportamenti pubblici e PRIVATI del nostro Premier( e compagnia danzante....) sono PROPRIO un esempio di come dovrebbe comportarsi un cattolico......

  • Avatar anonimo di benni
    benni

    Cari amici delle ACLI, Errani ha fatto bene quando ha avvallato insiem all'assessore Bissoni la somministrazione della pillola abortiva del giorno dopo senza ricovero ospèedaliero con modalità in spregio alla legge 194 sull'interruzione di graviodanza ???? E queste non sono solo questioni tecniche ma è la banalizzazione dell'aborto A cosa serve dichiararsi cattolici se non si ha a cuore il valore della dignità della persona umana ?? I valori cristiani non sono rappresentati da nessun schieramento politico ma solo dalla Chiesa ... poi tocca a ciascuno scegliere quale schieramento sostenere altrimenti siamo in balia del potere e del pensiero culturale dominante Comunque chi vota uno schieramento perchè "ha fatto bene" e senza entrare nei particolario si rende in qualche modo corresponsabile di questa tragedia che è l'aborto: in questi anni la Regione Emilia Romagna insieme ala Liguria solo le regioni con uno dei più alti tassi di abortività sulla popolazione. Dove eravate in questi anni a fare le sentinelle ??

  • Avatar anonimo di marinag
    marinag

    ah!

  • Avatar anonimo di mm77
    mm77

    Non si tratta di essere cattocomunisti (in fondo anch'io un pò lo sono in quanto credente e di sinistra) ma di persone con un nome e cognome che sono inserite dentro le associazioni spesso dai partiti stessi e che quindi, per la visibilità ottenuta devono risponderne contraccambiando in campagna elettorale. Quanto al voto dei cattolici, quelli più conservatori quindi a destra è inevitabile che si riconoscano nell'UDC, non certo nel PDL e nella Lega che di cristiano hanno ben poco. Allo stato attuale i valori cristiani li vedo rappresentati più a sinistra, ma non bisogna confondere il Vangelo con gli interessi economici della politica. E comunque a sinistra non esiste solo la coalizione legata ad Errani, anche tra i grilini (Movimento 5stelle) vi sono molti credenti cristiani, che però sanno separare la fede dalla politica, come è giusto che sia, immuni dai dogmi vaticani che arrestano lo sviluppo del nostro paese.

  • Avatar anonimo di ciccio
    ciccio

    i soliti,senza senso,cattocomunisti! Sono loro che rovinano l italia!

  • Avatar anonimo di cesare
    cesare

    Mi stupirei del contrario. Comunque sono ancora in tempo (anche se poco) per cambiare idea. Cambiare ogni 60 anni mi pare piuttosto ragionevole. Cesare

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -