Regionali, tormentone faccia a faccia. Errani: "Bernini prima studi"

Regionali, tormentone faccia a faccia. Errani: "Bernini prima studi"

BOLOGNA - Anna Maria Bernini bussa alla porta di Vasco Errani per un faccia a faccia tra i due candidati alla presidenza dell'Emilia-Romagna. "Aspetto il confronto, magari non il 26" marzo (cioe' due giorni prima del voto), spiega ai cronisti la parlamentare Pdl, "perche' voi operatori della  comunicazione non potreste raccoglierne gli esiti. Attendo fiduciosa che mi si comunichi una data", torna a chiedere Bernini, candidata del centro-destra alla guida della Regione.

 

Le viene chiesto: Ma Errani ha paura? "No, anzi. Io se fossi in lui m'incontrerei. Attendo". Quanto alle domande che intende fare durante l'eventuale confronto, Bernini naturalmente tiene coperte le proprie carte, ma ricorda i punti sui quali ha gia' 'stimolato' l'avversario in altre occasioni. Tra queste, la "sua gestione amministrativa, caratterizzata da una certa opacita', soprattutto nell'erogazione di servizi pubblici fondamentali come quello sanitario", le liste d'attesa, i servizi sociali "che sembrerebbero purtroppo essere destinati ad avere una fine", l'energia, con la bocciatura del nucleare.

 

"Questo e' il principale capo d'imputazione, tra virgolette, che muovo al presidente uscente. Non si puo' rispondere sempre e solo 'no'". Bisogna anche dichiarare le soluzioni. A Bernini, che nella nuova sede elettorale di via dei Toschi (non porto' fortuna alla terza candidatura a sindaco di Giorgio Guazzaloca) ha presentato il suo listino, viene chiesto anche quale e' il responso dei sondaggi in suo possesso. "Ho dei sondaggi, ma mi vorrei sottrarre alle guerra dei sondaggi, senno' comincia un'altalena alla quale difficilmente possiamo sottrarci fino alla fine della competizione elettorale". Insomma i "conti si faranno dopo il 29".

 

E a stretto giro le risponde Errani: si' al confronto con Anna Maria Bernini. Ma prima la candidata Pdl studi la regione: "la conosca, poi discuteremo sulla regione". E' la stoccata di Vasco Errani alla candidata Pdl che insiste per fare i confronti quanto prima possibile. Errani fa una battuta, ai giornalisti riuniti a Bologna per la presentazione del programma e della coalizione di centrosinistra che lo ricandida: "Sto pensando di scrivere un cartello con su scritto 'sono disponibile al confronto'. Li faremo li faremo in tv, come peraltro sapete". Si' ma la Bernini, lo incalzano i cronisti, chiede di farli subito, non il 26 marzo. "La Bernini faccia e conosca la regione, poi discuteremo sulla regione".

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di benpensante
    benpensante

    si si la Bernini forse dovrà studiare,ma anche Errani farebbe bene a dare una ripassatina a qualche concetto di democrazia e liberalità.Che ne dice ad esempio del divieto al senatore Ignazio Marino di operare al Sant'Orsola di Bologna ?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -