Regione, il preventivo 2011 per sicurezza territoriale e Protezione Civile

Regione, il preventivo 2011 per sicurezza territoriale e Protezione Civile

BOLOGNA - La commissione territorio, ambiente e infrastrutture, presieduta da Damiano Zoffoli, ha ascoltato una comunicazione dell'assessore Paola Gazzolo sulle risorse previste nel bilancio 2011 per la sicurezza del territorio, la difesa di suolo e costa e le attività di protezione civile. Per il prossimo anno le spese correnti previste per i primi due settori ammontano a 1 milione 128 mila euro; di questi 700.000 andranno a spese per il servizio di piena di corsi d'acqua che ricadono in bacini idrografici e per la manutenzione delle reti di monitoraggio delle acque.


Le spese per investimenti saranno 5 milioni 300 mila euro; di questi, 3milioni 500 mila sono destinati a lavori urgenti sul suolo e sulla costa per il ripristino dei danni da calamità; 1 milione 100 mila andrà alla manutenzione straordinaria delle reti di monitoraggio dei fiumi e per quello metereologo; 300 mila serviranno per interventi e opere di difesa della costa, ed altrettanti per la formazione di una cartografia geologica e dei rischi geonaturali dell'Emilia-Romagna.


Per la Protezione civile, l'assessorato ha previsto 2 milioni 900 mila euro di propri mezzi e 1 milione 500 mila di fondi in conto capitale. Si tratta di risorse "fresche", destinate alla realizzazione di nuove attività. Agli importi delle risorse in conto capitale concorrono anche alcuni slittamenti di fondi assegnati nel 2010, dei quali l'Agenzia regionale di protezione civile ha dilazionato l'utilizzo proprio per assicurare la massima operatività in vista dei tagli ai bilanci regionali attuati dalla manovra finanziaria nazionale.


Il presidente Zoffoli ha evidenziato che la situazione in cui ci si trova, per i tagli alle risorse finanziarie regionali, non ha precedenti, e che pertanto la Regione ha ancora più responsabilità nello scegliere le priorità su cui intervenire.


Illustrando le scelte della giunta, Paola Gazzolo ha evidenziato che per i tagli imposti dal Governo forti sono le decurtazioni che la Regione ha dovuto fare anche su questo settore. "Sul fronte delle spese correnti - ha detto l'assessore - sono stati azzerati alcuni capitoli, anche se continua l'attività programmata nel 2010. Le risorse per gli investimenti, che pure sono significative - ha aggiunto - non sono sufficienti. Nonostante questo, si è deciso di mantenere gli impegni assunti e di confermare l'impianto del bilancio 2010, pur consapevoli che l'azione di prevenzione e di messa in sicurezza del territorio, che ha dato buoni frutti, faticherà a svilupparsi".

 

L'assessore ha anche espresso il timore che vengano meno le risorse per sostenere i privati ed il sistema produttivo, danneggiati da eventi naturali. In rapporto al tema della protezione civile ha poi ricordato che è stato del tutto azzerato dal Governo il Fondo ad essa destinato ed anche quello per gli incendi boschivi. Per far fronte a questa situazione - ha concluso - si dovranno gestire in modo più efficace le risorse.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -