Regione, parere positivo sui requisiti dei servizi trasfusionali

Regione, parere positivo sui requisiti dei servizi trasfusionali

BOLOGNA - La commissione "Politiche per la salute e Politiche sociali" ha espresso voto favorevole alla richiesta di parere sulla delibera di Giunta che recepisce l'Accordo Stato-Regioni (sancito il 16 dicembre 2010) sui requisiti minimi organizzativi, strutturali e tecnologici delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta e sul modello per le visite di verifica: voto favorevole dei consiglieri Pd, Fed. Sin., Pdl e Udc, astenuti Lega e 5 Stelle.

 

Per aumentare la sicurezza dei cittadini interessati a terapie trasfusionali, vengono così integrati i requisiti previsti per l'accreditamento delle strutture sanitarie che operano in questa regione. Nel marzo 2009 era stato avviato un percorso congiunto Ministero della Salute/Regioni, finalizzato a definire i requisiti minimi strutturali, tecnologici ed organizzativi dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta; questi requisiti devono essere validi su tutto il territorio nazionale. Alle Regioni si chiede di garantire, con attività ispettive periodiche, che le attività trasfusionali risultino condotte in conformità a ciò che dettano le norme nazionali ed europee.

 

Ora, all'Agenzia sanitaria e Sociale regionale, in sinergia con il Centro Regionale sangue, vengono demandati i compiti di selezione dei partecipanti al programma di iniziative formative per il sistema trasfusionale, e la pianificazione ed esecuzione delle visite ispettive nei centri trasfusionali (visite che dovranno avere una periodicità almeno biennale). Dal recepimento dell'accordo Stato-Regioni - sta scritto in delibera - non derivano maggiori oneri a carico del bilancio regionale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -