REGIONE – Presentato il piano sanitario 2007-2009. Errani: “La chiave è nell’integrazione e nella personalizzazione delle risposte da dare al cittadini”

REGIONE – Presentato il piano sanitario 2007-2009. Errani: “La chiave è nell’integrazione e nella personalizzazione delle risposte da dare al cittadini”

BOLOGNA - Un nuovo welfare di comunità, universalistico ed equo per una società che cambia ed esprime nuovi bisogni: per finalizzare questo obiettivo, il Piano sociale e sanitario 2007-09 porta a compimento un sistema integrato di servizi sociali, socio-sanitari e sanitari, radicato nelle comunità locali e nella regione. Il testo, ora al confronto con la società regionale prima di approdare in Giunta e poi in Assemblea Legislativa, è stato presentato oggi nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato il presidente della Regione, Vasco Errani, e gli assessori alle Politiche per la salute ed alle Politiche sociali, Giovanni Bissoni ed Anna Maria Dapporto.

"Noi presentiamo per la prima volta un piano sociale e sanitario fondato sull'integrazione - ha detto il presidente Errani -, che vuole cioè costruire una rete di servizi nel territorio, nei distretti, dando un ruolo nuovo e forte agli Enti locali ed ai tanti soggetti che operano in questo campo. L'obiettivo è quello di costruire un welfare di comunità, che risponda ai bisogni delle persone puntando alla personalizzazione dell'offerta, alla domiciliarità. E questo lo faremo investendo notevoli risorse: già a partire da quest'anno vi saranno 100 milioni di euro aggiuntivi per le politiche della non autosufficienza. Continueremo così nei prossimi anni perché riteniamo che la coesione sociale, la qualità sociale, rappresentino una caratteristica fondamentale della nostra regione ed allo stesso tempo un elemento di qualità, anche per la capacità di competere in Italia e nel mondo".


L'assessore Giovanni Bissoni è quindi entrato nel merito delle innovazioni che saranno apportate dal Piano sociale e sanitario: "Se da un lato - ha detto - si vogliono rendere più espliciti i diritti dei cittadini, dall'altro si vogliono costruire dei percorsi di presa a carico personalizzati, segnando una scelta chiara di progettualità in ambito locale. Tale percorsi sono spesso non semplici, e implicano una presa carico per lungo tempo, un coinvolgimento di più professionisti, del sociale, del sanitario, del privato, del volontariato: per fare questo dobbiamo avere la volontà di mettere in discussione il sistema con cui fino ad oggi abbiamo lavorato, ripensando l'organizzazione dell'assistenza". Bissoni si è quindi soffermato sulla scelta del distretto come punto focale per la gestione delle politiche integrate: "Il distretto è l'ambito ottimale che realizza e sovrintende questa rete di servizi, ed in quest'ambito deve poter essere attivato un percorso di sostegno per il cittadino, da qualsiasi punto del terminale di assistenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo panorama, un rilievo fondamentale ha la funzione attribuita agli sportelli sociali, attualmente 32 in regione (arriveranno a 39). "La funzione degli sportelli è quella di front office - ha detto l'assessore Anna Maria Dapporto -: cioè gli operatori di questi uffici saranno informati su tutti i servizi di cui gli utenti possono usufruire sul territorio. E trattandosi di un'utenza a volte molto debole e poco informata, si può ben comprendere il ruolo fondamentale rispetto ad una precisa informazione su tutto quanto esiste sul territorio, dall'Usl ai vari servizi utili a dare una risposta alle necessità ed urgenze richieste".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -