Regione: ricevuto l'ambasciatore del Marocco

Regione: ricevuto l'ambasciatore del Marocco

BOLOGNA - La cooperazione tra il Marocco e la Regione Emilia-Romagna, la libertà religiosa, l'immigrazione, la collaborazione con la comunità marocchina in Italia e la situazione nel Sahara occidentale. Sono i temi affrontati nel corso della visita in Regione dell'ambasciatore in Italia del Marocco Mohammed Nabil Benabdallah, in carica dal 7 novembre scorso. Il diplomatico, accompagnato dal console generale del Marocco Mohamed Laghmari, è stato ricevuto dal vicepresidente della Regione Flavio Delbono e dalla presidente dell'assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna Monica Donini.


L'ambasciatore, alla sua prima visita a Bologna, ha raccontato del processo di democratizzazione e delle riforme importanti che il Marocco sta portando avanti e si è detto disponibile a lavorare insieme all'Emilia-Romagna nell'ottica di uno sviluppo economico, sociale e culturale della regione del Maghreb e per la completa integrazione della comunità marocchina (la prima numericamente parlando in regione, con oltre 26 mila persone, e la seconda in Italia).

Il vicepresidente Delbono ha confermato l'interesse della Regione a un rafforzamento dei rapporti con il Marocco e l'avvio di collaborazioni concrete.
Per quanto riguarda la situazione del popolo Sahrawi - nei cui campi profughi la Regione da anni ha in campo molte iniziative di carattere umanitario e di solidarietà internazionale - Donini e Benabdallah hanno auspicato che i tavoli bilaterali, promossi tra le autorità marocchine e quelle del Polisario, arrivino a definire una soluzione coerente con le norme del diritto internazionale e sotto l'egida dell'Onu.
La visita si è conclusa con l'invito alla Regione allo svolgimento di una visita in Marocco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I progetti della Regione 
Il bilancio 2009 prevede il cofinanziamento di due progetti per lo sviluppo in Marocco, in collaborazione con organizzazioni non governative e associazioni di volontariato.
Il primo è un progetto per la promozione dell'eco-turismo e per il sostegno alla micro-impresa femminile, come fattori di sviluppo rurale integrato, in tre comuni del sud del Marocco: villaggi rurali nelle province di Tata (250 Km a sud est di Marrakech, valicata la catena dell'Alto atlante) e Tiznit (zona costiera a 80 Km a sud di Agadir).
Il costo complessivo è pari a 57.967 euro, di cui 28.983 di finanziamento regionale.
Il secondo mira a consolidare la crescita economica dei Comuni rurali di Sidi Boumahdi e Meskoura (provincia di Settat), attraverso l'integrazione e la promozione delle capacità individuali, della donna e il sostegno all'associazionismo per la realizzazione di appropriate attività produttive. Il costo totale del progetto è di pari a 210.394 euro, di cui 100.990 di fondi regionali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -